Condividi

Raddoppio Cefalù-Castelbuono, Fillea: “Il cantiere rischia di fermarsi”

giovedì 19 Dicembre 2019
Raddoppio Cefalù Ogliastrillo-Castebuono
Foto Fb Fillea CGIL Sicilia

Da tre mesi senza stipendio i 14 operai edili della Idrogeo srl, impresa affidataria della Toto Costruzioni, impegnata nei lavori per il raddoppio della tratta ferroviaria Cefalù Ogliastrillo-Castelbuono, sulla linea Palermo-Messina. La Fillea è pronta a proclamare lo stato di agitazione. I lavoratori della Idrogeo stanno eseguendo lo scavo della galleria nei pressi di Sant’Ambrogio.

”Dalle interlocuzioni avute con l’impresa, abbiamo appreso che per l’ennesima volta i ritardi relativi ai pagamenti che la contraente generale Toto Costruzioni deve a Idrogeo rischiano di stoppare le lavorazioni di uno dei pochi cantieri strategici sul piano infrastrutturale della provincia di Palermo – dichiara Piero Ceraulo, segretario generale Fillea Cgil Palermo –  Non possiamo accettare che un cantiere appena partito abbia già i primi intoppi per cause legate al ritardo negli incassi degli  stati di avanzamento”. 

La Fillea aveva richiesto alla Toto Costruzioni di attivare le procedure di pagamento sostitutivo delle maestranze. “Per questo processo però – spiega Ceraulo – occorre il nulla osta da parte di Idrogeo, che ad oggi si rifiuta di attivare la procedura in quanto ritiene necessario che gli stati di avanzamento lavoro maturati vengano incassati e che sia poi direttamente Idrogeo a pagare i lavoratori”.

Cefalù-Castelbuono - IL TRACCIATO
Cefalù-Castelbuono – IL TRACCIATO © D. G.

Di fatto i ritardi nei pagamenti potrebbero causare il fermo di uno dei pochi cantieri della provincia, targato Rfi, partiti negli ultimi mesi. La Finestra di Sant’Ambrogio, lunga circa 750 metri, servirà sia per aprire due fronti di scavo della galleria Sant’Ambrogio, lunga 4,15 km, sia per garantire in fase di esercizio un’uscita di sicurezza dalla galleria ferroviaria.

L’intera opera, per un investimento complessivo di circa 500 milioni di euro, è il proseguimento del raddoppio già in esercizio fra Cefalù Ogliastrillo e Fiumetorto.

“Queste difficoltà non fanno ben sperare – continua Ceraulo – Rimane alta la vigilanza affinché i ritardi nei pagamenti non mettano in discussione il completamento di un’opera fondamentale nel territorio. E non accetteremo  che tutto ciò ricada sui lavoratori, operai di altissima professionalità, che hanno lavorato in condizioni molto disagiate dentro una galleria, nella fase iniziale dello scavo. È un paradosso che persone che svolgono un lavoro tanto usurante siano costretti a stare a casa senza soldi. Le maestranze non rientreranno al lavoro a conclusione del periodo natalizio se non avranno ricevuto tutte le somme maturate”.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, scuole, riscaldamenti e pulizia: dai minisindaci le segnalazioni alla II circoscrizione CLICCA PER IL VIDEO

Fotografare lo stato di salute delle scuole elementari della II circoscrizione di Palermo attraverso lo sguardo attento degli stessi alunni. E, allo stesso tempo, avvicinare i più piccoli alla politica, spiegando come funziona la macchina amministrativa.

BarSicilia

Bar Sicilia, Pagana e le sfide del suo assessorato. “Chiarezza su CTS, parchi, balneari e Arpa. FdI? In atto confronto costruttivo” CLICCA PER IL VIDEO

Elena Pagana, assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, è l’ospite della puntata numero 225 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Pagana ha parlato della Cts, del futuro dei Parchi siciliani, di Arpa, balneari e, in quanto dirigente di Fratelli d’Italia, ha fatto il punto sullo stato di salute del partito guidato…

La Buona Salute

La Buona Salute 62° puntata: Tecnologia Sanitaria

La 62^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’evoluzione tecnologica in ambito sanitario. Enormi vantaggi e miglioramento della vita per un nutrito numero di pazienti siciliani

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.