Condividi

Ragazza segregata, picchiata e costretta a prostituirsi con più uomini

mercoledì 29 Marzo 2017

violenza sulle donneUna ragazza di 28 anni ridotta in schiavitù per sei anni, picchiata ripetutamente e costretta a prostituirsi anche con più uomini contemporaneamente dal suo aguzzino, un uomo di 51 anni. In teoria il suo compagno, ma nella realtà sarebbe stato un mostro. Per lei adesso l’incubo è finito. Il suo carceriere è finito in manette, arrestato dai carabinieri della Compagnia di Partinico. Gli episodi sarebbero avvenuti nel Palermitano, fra Cinisi, Terrasini e Partinico, in un periodo compreso tra il luglio 2010 e l’aprile 2016.

Le indagini sono state avviate dai militari dell’Arma nel mese di maggio scorso, a seguito della denuncia da parte dell’interessata che accompagnata in caserma dal padre, tra le lacrime, ha trovato la forza di raccontare ai Carabinieri degli abusi e delle condotte violente di cui era stata vittima ad opera dell’uomo, con il quale aveva avviato un rapporto di convivenza nell’estate del 2010.

 

I successivi riscontri – sviluppatisi principalmente attraverso l’escussione di circa 30 “clienti che avevano fruito delle prestazioni sessuali, cui era stata costretta la ragazza – consentivano di delineare un gravissimo quadro indiziario nei confronti del 51enne. Infatti, si documentava in modo incontrovertibile che l’uomo sistematicamente segregava la compagna all’interno dell’abitazione, chiudendo la porta di ingresso dall’esterno con un lucchetto e sbarrando le finestre con delle tavole di legno fissate con chiodi.

La ragazza era costretta a praticare rapporti sessuali con uno o più uomini, secondo appuntamenti e modalità concordate dai “clienti” dal compagno, spesso all’interno della loro abitazione, ma anche in aree campestri, nonché all’interno di autovetture. Le prestazioni prevedevano perlopiù la corresponsione direttamente nelle mani dell’indagato di 20 euro per ogni singolo rapporto sessuale cui era costretta la donna. Tale importo – funzionale a sostenere le spese relative al pagamento del canone di locazione dell’immobile in affitto – veniva talvolta integrato da dazioni di generi alimentari.

 

I rifiuti opposti dalla donna in molteplici circostanze avevano come conseguenza il pestaggio della stessa ad opera del suo “aguzzino”. In almeno due circostanze documentate, la ragazza si recava presso strutture sanitarie della Provincia di Palermo per ricevere assistenza: in un’occasione le veniva diagnosticata la frattura del setto nasale; nell’altra, oltre ad un trauma cervicale, le veniva comunicata l’avvenuta interruzione di gravidanza.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Dipasquale (Pd): “Fronte compatto contro il governo Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Due volte sindaco di Ragusa e deputato regionale del Pd, all’Ars dal 2012, Nello Dipasquale, è ospite questa settimana a Bar Sicilia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.