Condividi
Il problema

Rifiuti in Sicilia, scontro Anci-Regione. Amenta: “Dal governo accuse ingiustificate”

giovedì 22 Febbraio 2024

I costi per il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti in Sicilia sono destinati a pesare sempre di più sulle tasche dei cittadini con l’aumento della Tari, se la Regione non interviene con l’elaborazione di un adeguato piano regionale che metta a punto una nuova governance dei rifiuti. Poi il problema della mancanza di discariche e impianti ad hoc non fa che accentuare l’emergenza e lo scontro tra i comuni, da un lato, chiamati ad affrontare costi elevati che gravano sui bilanci, e dall’altro il governo regionale pressato di volta in volta dalla necessità di trovare una soluzione, per salvaguardare l’economia dell’Isola.

E’ questa la sintesi di un botta e risposta tra Anci Sicilia, che ieri ha presentato a Palazzo dei Normanni un dossier (CLICCA QUI) contenente un’analisi ed elementi di costo per la determinazione di un range tariffario per lo smaltimento e il trattamento dei rifiuti e l’assessore regionale al ramo Roberto Di Mauro secondo cui se in Sicilia teniamo il record delle tariffe più costose d’Italia, “la responsabilità è dei sindaci che non hanno fatto realizzare le discariche, come invece prevedeva la legge del 2010”, costretti quindi a mandare la spazzatura all’estero. Il problema non è di immediata soluzione, ma nel nuovo piano rifiuti il governo Schifani ha previsto nuovi impianti e risorse.

Non è d’accordo l’Associazione dei comuni siciliani: “Siamo in presenza di una incomprensibile ed ingiustificabile accusa rivolta a 391 primi cittadini dell’Isola. Ancora una volta al grandissimo senso di responsabilità dei sindaci, al cui operato si deve se la Sicilia nel 2022 ha superato il 53% di raccolta differenziata, si contrappone una fin troppo vetusta logica di sottrarsi alle responsabilità scaricandole sugli altri”, hanno dichiarato Paolo Amenta e Mario Emanuele Alvano, rispettivamente presidente e segretario generale dell’Anci Sicilia.

Anci Sicilia “non si presta oggi alla logica di puntare il dito contro il governo regionale, in carica da troppo poco tempo, attribuendo a quest’ultimo ogni responsabilità”, ma ci tiene a sottolineare che “all’incontro di ieri hanno partecipato sindaci provenienti da ogni parte della Sicilia e facenti riferimento a tutte le sensibilità politiche”.

La Sicilia, spiega Anci Sicilia, è priva di un piano regionale per i rifiuti e che al momento “numerosi comuni si trovano a fare i conti con un vero e proprio buco di bilancio causati dall’annullamento del decreto regionale che erogava per gli anni 2022 e 2023 i famosi 45 milioni per gli extra costi nel settore dei rifiuti”.

Sulla legittimità dei costi che vengono praticati dai gestori delle discariche in Sicilia “dovrebbe forse vigilare maggiormente la Regione Siciliana, ma essendo mancato un adeguato controllo abbiamo dovuto presentare un ricorso all’Antitrust che ci farà capire se il prezzo praticato è congruo o meno”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.