Condividi

“Liberi tutti” per la mafia di Porta Nuova?

giovedì 17 Novembre 2016

E’ una corsa contro il tempo che potrebbe rivelarsi vana quella del gup Nicola Aiello dinanzi al quale si celebra l’udienza preliminare scaturita dall’operazione “Panta Rei” che a dicembre scorso portò in carcere una quarantina di presunti boss e gregari del mandamento di Porta Nuova. Entro il 15 dicembre dovrà essere deciso il rinvio a giudizio altrimenti i 23 indagati in carcere potrebbero uscire dagli istituti di pena per scadenza dei termini della custodia cautelare.

Uno degli imputati, Giuseppe Di Giovanni (assistito da Giovanni Castronovo), ha ricusato – durante la scorsa udienza – il gup che ha firmato alcune proroghe di indagini e dei decreti di intercettazione nella fase delle indagini. In qualche modo è entrato nel merito delle accuse e, dunque, non potrebbe più garantire quella terzietà che serve per decidere se mandare gli imputati sotto processo. L’udienza in Corte d’Appello in cui si affronterà l’istanza di ricusazione è fissata per il 29 novembre e la decisione dovrebbe arrivare entro una settimana. Se la Corte optasse per affidare il processo a un altro giudice, il nuovo gup avrebbe solo una decina di giorni di tempo per svolgere le udienze e decidere. Un tempo che potrebbe essere troppo stretto. Intanto l’udienza preliminare va avanti davanti lo stesso Aiello che aveva chiesto al presidente dei gip di astenersi ancor prima che arrivasse l’istanza di ricusazione.

Sotto accusa gli uomini del clan di Porta Nuova. A cominciare dal presunto reggente, Paolo Calcagno, e da Teresa Marino, moglie del boss detenuto Tommaso Lo Presti. Dal carcere sarebbero partite le direttive, veicolate dalla donna, che avrebbe avuto voce in capitolo anche nella gestione dei traffici di droga e delle estorsioni. I militari avevano bloccato due corrieri in Argentina e Francia, partiti per conto dei boss di Bagheria e Palermo. Lo Presti e Calcagno hanno lavorato fianco a fianco. Poi, quando il primo è finito in cella, il secondo ne avrebbe preso il posto. Un posto fondamentale nello scacchiere della mafia palermitana.

Sotto inchiesta anche i titolari dell’omonima attività commerciale a Borgo Vecchio Domenico e Giuseppe Tantillo, collaboratore di giustizia che in questi mesi sta rivelando gli ultimi movimenti di Cosa Nostra palermitana. (ls)

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Di Sarcina e la rivoluzione dei porti del mare di Sicilia Orientale CLICCA PER IL VIDEO

Dal Prg del porto di Catania ai containers ad Augusta, passando per lo sviluppo di Pozzallo e l’ingresso di Siracusa nell’AP, il presidente Di Sarcina spiega obiettivi e progetti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.