Condividi

Ferrandelli, sereno ma non troppo. “La campagna elettorale va avanti” e arriva il sostegno di Forza Italia

lunedì 23 Gennaio 2017
FERRANDELLI

Fabrizio Ferrandelli è arrivato puntuale negli uffici della Procura di Palermo. Erano passate da poco dopo le 9.30. Ed è andato via alle 13 circa. Il sorriso, un po’ tirato, dei saluti è uguale a quello con cui si congeda dai giornalisti che affollano i palazzo di giustizia.

Fabrizio Ferrandelli, candidato sindaco di Palermo accusato di voto di scambio, ha appena cominciato la sua battaglia giudiziaria. Ha preferito parlare solo con i pm. I cronisti sono stati rinviati a una “conferenza stampa” che si terrà “nei prossimi giorni”. Ferrandelli ha detto che andrà avanti con la campagna elettorale, eppure proprio il rinvio dell’incontro con i giornalisti è visto come un segnale di debolezza. Forse qualcosa si è incrinato nelle certezze dell’ex deputato del Pd. I pm Caterina Malagoli e Sergio Demontis hanno interrogato il candidato su un pugno di voti che sarebbero stati “comprati” a Borgo Vecchio durante le comunali del 2012.

Nel corso dell’interrogatorio sarebbe spuntato anche l’episodio di un concerto organizzato in piazza al Borgo Vecchio del cantante Gianni Vezzosi. Era l’aprile del 2012. Sopra la testa dei cantanti erano stati appesi i manifesti elettorali del candidato sindaco.

Per i Pm esisterebbe quindi un accordo che  potrebbe essere proseguito anche per le elezioni regionali che si svolsero a ottobre dello stesso anno. Un pacchetto di preferenze al prezzo di 4-5 mila euro, secondo il pentito Giuseppe Tantillo, dalle cui dichiarazioni ha preso le mosse l’indagine. Fabrizio Ferrandelli ha smentito il racconto del pentito che sostiene di avere incontrato il candidato a sindaco durante la campagna elettorale del 2012. L’ex deputato ha riferito ai magistrati di aver svolto solo incontri pubblici nel quartiere. A questi incontri avrebbe partecipato molta gente. Tantillo, arrestato nel 2015, a quei tempi era solo il proprietario del chiosco di bibite, frutta e verdura nella piazza del Borgo.miccihce

Per Ferrandelli, in un giorno triste  come questo, arriva il possibile appoggio elettorale – ormai insperato – del centro destra. Un endorsment ormai inatteso:  “A chiarimento di quanto sta emergendo in queste ore dalla stampa, dopo il ritiro di Francesco Greco (al quale rinnovo la mia incondizionata stima) – dice il commissario di Forza Italia  Gianfranco Miccichéavendo già da tempo valutato l’ipotesi di un ampliamento della coalizione dei moderati, sono disposto a prendere in considerazione l’appoggio alla candidatura di Fabrizio Ferrandelli, ovviamente non prima di aver sentito le sue dichiarazioni sulla vicenda e sempre che non emergano fatti di rilevanza penale, tali da superare il nostro fermo e convinto garantismo”.

Alessandro Pagano
Alessandro Pagano

Ma non tutta la coalizione di centro destra è pronta a seguire i passi di Miccichè. Per Alessandro Pagano (Noi con Salvini), “con il ritiro di Greco si aprono nuovi scenari, noi sosterremo solo candidati che rispecchiano i nostri ideali e Ferrandelli non ha questo profilo”. “Miccichè è libero di fare quel che vuole – continua Pagano – ma rappresenta solo se stesso, con questa scelta si assume la responsabilità di far saltare gli equilibri della coalizione“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.