Condividi
Le indagini

Rogo di Vittoria, eseguita l’autopsia su madre e sorella dell’incendiario

mercoledì 26 Giugno 2024
Foto d'archivio

Si è conclusa l’autopsia sui corpi di Mariam Sassi, di 55 anni, e della figlia Sameh Zaouali, di 34, morte nell’incendio appiccato il 13 giugno scorso a Vittoria (Ragusa) nell’abitazione di famiglia dal figlio Wajdi, di 29 anni.

L’esame autoptico è stato eseguito dal medico legale Giuseppe Algieri, incaricato dal sostituto procuratore Martina Dall’Amico. Ha preso parte all’autopsia, che assume carattere di incidente probatorio, anche il medico legale Giuseppe Iuvara, incaricato dall’avvocato difensore di Wajdi Zaouali, Giovanni Ascone. Le risultanze dell’autopsia saranno rese note e depositate entro 90 giorni. Subito dopo, le salme saranno riconsegnate ai familiari per il rito funebre e il rimpatrio delle salme che saranno tumulate in Tunisia, a cura del Consolato tunisino. A Vittoria, si trova solo l’unica sorella sopravvissuta alla strage, una giovane di 25 anni studentessa in giurisprudenza a Torino.

La giovane ha nominato a rappresentare la famiglia l’avvocato Italo Alia. Intanto, migliorano le condizioni degli altri due familiari gravemente ustionati, il padre Kemal, 57 anni e la figlia minore Oumaima, 19 anni, studentessa al liceo linguistico, che avrebbe dovuto sostenere in questi giorni gli esami di maturità. Intanto è partita una raccolta fondi per la famiglia Zaouali (sulla piattaforma gofundme). Finora sono stati raccolti quasi 9000 euro. Anche la scuola darà un contributo alla famiglia Zaouali che non ha più una casa, visto che è stata interamente distrutta dalle fiamme.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.