Condividi

Sambuca di Sicilia celebra Maria SS. dell’Udienza [Il Programma]

venerdì 18 Maggio 2018
sambuca-di-sicilia

La vostra Patti Holmes è contenta di darvi tanti indizi, tra cui un’ipotesi cinematografica, per arrivare subito alla meta e festeggiare Maria SS. dell’Udienza. Siamo diretti:

1) In provincia di Agrigento

2) Nel Borgo dei borghi 2016 nel programma di Rai Tre “Alle falde del Kilimangiaro”

3) A Chabuta seu Zabut, che ricorda Guglielmo II detto il buono

4) Sabut, uno strumento musicale

5) Sambukie, una macchina da guerra

6) A metà dell’800, rinominata da Vincenzo Navarro, unendo due sinonimi, “Sambuca Zabut”

7) Nel 1928, da Mussolini in “Sambuca di Sicilia”, cancellando l’esotico Zabut

8) Scomposto da Leonardo Sciascia in “as-Sabuqah”, luogo remoto

9) Cittadina legata, per la fervida immaginazione della cinefila Patti Holmes, ad “Arsenico e vecchi merletti”, in cui viene scelto il “sambuco” , anzi un vino avvelenato al sambuco, come causa di morti sospette e il cui regista, cosa che avvalorerebbe questa folle tesi, è Frank Capra, vero nome Francesco Rosario Capra, nativo di Bisacquino, paese confinante

10) Con un Sarracino che, nelle notti di luna piena, si narra ululi disperato.

 

sambucaLadies and Gentlemen, cari Watson, affezionati lettori de IlSicilia.it, la nostra meta è Sambuca di Sicilia e i festeggiamenti per  Maria SS. dell’Udienza, arrivati alla 443° edizione e il cui clou è nel fine settimana che va dal 19 al 21 maggio. Maria Santissima dell’Udienza è una scultura in marmo realizzata, agli inizi del 1500, dallo scultore rinascimentale Antonello Gagini. Attualmente è custodita all’interno dell’abside della navata centrale del Santuario di Maria Santissima dell’Udienza. Raffigurante la Madonna con il Bambino Gesù, appartenne a famiglie mazaresi che la portarono a Sambuca di Sicilia nei terreni su cui sorgeva la torre Cellaro. Lasciata nascosta per tanti anni all’interno di un’intercapedine di un forno delle cucine della torre, fu ritrovata da un contadino sambucese nel 1575.

simulacro_di_maria_ss-_delludienza

In quel periodo a Sambuca imperversava la peste e i contadini decisero di rubare la statua e farla passare attraverso il quartiere dell’Infermeria, area del paese dedicata alle cure dei lebbrosi, nella speranza che la Madonna facesse un miracolo. Così fu e, da quel momento, la statua prese il nome di Madonna dell’Udienza, in quanto aveva dato ascolto alle preghiere degli ammalati. Si decise che ogni anno si sarebbe dovuta portare in processione per le vie del paese e ogni dieci anni per il quartiere Infermeria. Ancora oggi vige questa tradizione.

sambuca1

Si tratta di una festa molto caratteristica, in cui centrale è la commovente processione del simulacro, che passa per le principali vie del centro storico portato a spalla dai componenti della Confraternita a lei votata, abbigliati con particolari abiti ricamati in seta e oro. Prima della processione, nel pomeriggio, ha luogo dentro la chiesa la discesa della Madonna, (popolarmente chiamata la scinnuta, accompagnata da preghiere e canti religiosi e popolari), dalla nicchia in cui giace verso il simulacro (in siciliano la vara) che la accoglierà per tutta la processione. La processione, che si protrae fino all’alba del lunedì e culmina trionfalmente con fuochi d’artificio, durante la notte vede la statua fermarsi sotto le undici corone dei diversi quartieri sambucesi. Queste soste sono un momento utile affinché i fratelli possano rifocillarsi dopo la grande fatica della processione.

Bontà Sambucese
La minna di virgini, fu ideata nel 1725 da suor Virginia Casale di Rocca Menna, del Collegio di Maria di Sambuca, in occasione del matrimonio del Marchese don Pietro Beccadelli con donna Marianna Gravina. Il nome discenderebbe, come narra Alfonso Di Giovanna nel suo libro “Per modo di dire”, proprio dalla stessa suora, Virginia della Menna; secondo altri, invece, da un’antichissima tradizione legata a culti femminili preesistenti, sviluppatisi in tutta la Sicilia. Inserita dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali tra i Prodotti Agroalimentari Tradizionali, è un dolce di forno, ha la forma di una mammella con all’apice una protuberanza più scura, composta da pasta frolla e con al suo interno crema di latte, zuccata, scaglie di cioccolato e cannella.

 

PROGRAMMA

Venerdì 18 maggio

Piccola Orchestra Malarazza

Sabato 19 maggio

Alle 7
Alborata

Alle 9
Sfilata della Banda Musicale “Gian Matteo Rinaldo” per le vie del Quartiere Palma

Alle 9,30 – Oratorio Chiesa del Carmine
Torneo di calcetto in onore di Maria SS.dell’Udienza, A.S.D Città di Sambuca

Alle 10 – PIazza della Vittoria
“Uno scatto per Maria” – Ass. Ges Calogero “Calogero Cicero” di Sambuca

Alle 12 -Ex Chiesa di San Sebastiano
Mostra storica sulla Festa

Alle 14,30 – Via Girolamo Guasso
“Cursa di li carruzzuna”

Alle 17,30 – PIazza della Vittoria
I Giochi della Festa – Animazione della palestra Power Dance di Rosanna e Giuseppe Barbera
Giornata della Fratellanza

Alle 19 – Santuario
Santa Messa e Rosario cantato
Consacrazione e benedizione dei nuovi iscritti alla Confraternita

Alle 20,30
Ottavario di preghiera
Banda Musicale Gian Matteo Rinaldo

Alle 20,45
Pellegrinaggio di Gesù Eucarestia

Alle 21,45 – PIazza della Vittoria
50 piccoli atleti per 50 sfumature di sport
Balli di gruppo palestra Power Dance di Rosanna e Giuseppe Barbera

Alle 24,00- Zona Cappuccini
Spettacolo pirotecnico

Domenica 20 maggio

Alle 7
Alborata

Alle 9
Sfilata della Banda Musicale “Gian Matteo Rinaldo”

Alle 9,30 – PIazza della Vittoria
I Trofeo di Tiro Palio dell’Udienza

Alle 10 – Corso Umberto
Raduno del Palio dell’Udienza – Auto e Moto d’epoca – Club Auto e Moto d’epoca Belice

Alle 10,30 – PIazza della Vittoria
Bambini in Festa – Spettacoli e animazione -Ass. Ceto degli Angeli Menfi

Alle 11 – Santuario
Santa Messa Solenne . Rinnovo del Voto alla presenza delle Autorità Religiose, Civili e Militari

Alle 15 – Santuario
Discesa del Simulacro di Maria SS. dell’Udienza dall’altare e deposizione nella Vara

Alle 16,30 – Corso Umberto
Edizione del Palio dell’Udienza 2018
Sfilata e giochi cavallereschi in onore della Madonna rievocativi della Giostra del Saracino

Alle 18 – Corso Umberto
Kimolia Streer Band

Alle 19 – Santuario
Vespri Solenni di Pentecoste

Alle 22,30
Uscita dalla Madonna
Giochi pirotecnici

Alle 23 – Sagrato del Santuario
Celebrazione Eucaristica e Processione solenne di Maria SS. dell’Udienza

Lunedì 21 maggio

Alle 6,30
Rientro della Madonna in Santuario

Alle 11,30
Celebrazione Messa con il formulario propriodi B.M.V dell’Udienza

Alle 12
Intronizzazione del Simulacro

Alle 20 – Piazza della Vittoria
Ringraziamenti e assegnazione del Palio dell’Udienza 2018

Alle 21
Estrazione biglietto vincente del Palio 2018. Presenta Sergio Lo Cicero

Alle 21,30
Concerto di Alice Casoli e la sua Band (Sanremo 2018)
Fernando Proce from RTL102.5
Special guest Bianca Atzei

 

Viva Sambuca di Sicilia e Maria SS. dell’Udienza.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.