Condividi

Sanità, Fiaso: “Assumere i 66mila precari reclutati per l’emergenza Covid”

sabato 9 Ottobre 2021

Assumere i 66mila precari della sanità reclutati durante l’emergenza Covid. È la proposta inviata dalla Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso) alle istituzioni per consentire la stabilizzazione del personale che nell’ultimo anno e mezzo ha affrontato in corsia l’emergenza pandemica.

Due le proposte di emendamento all’articolo 20 Dlgs 75/2017 ipotizzate. La prima prevede che possa essere assunto a tempo indeterminato chi è stato reclutato a tempo determinato, anche mediante conferimento di incarico di lavoro autonomo, ovvero di collaborazione coordinata e continuativa dalla data di deliberazione dello stato di emergenza dichiarato, da aziende ed enti del servizio sanitario e abbia maturato, al 31 dicembre 2022 almeno dodici mesi di servizio. La seconda, invece, allunga al 31 dicembre 2024 i requisiti per la stabilizzazione introdotti dalla Legge Madia.

L’iniziativa nasce dalla necessità di rafforzare le dotazioni organiche delle Aziende sanitarie e ospedaliere che negli ultimi 18 mesi hanno potuto contare sul contributo straordinario di oltre 83mila nuovi operatori. “La fase di reclutamento eccezionale avviata con l’emergenza, con forme contrattuali e procedure flessibili – spiega Fiaso in una nota – ha determinato un consistente incremento del numero dei precari che lavorano nel Ssn. Grazie al loro impegno e alla loro professionalità le Aziende hanno potuto far fronte in modo efficace ad un momento storico senza precedenti“.

L’obiettivo della proposta della Federazione è quello di valorizzare l’esperienza maturata durante l’emergenza Covid nelle aziende sanitarie e ospedaliere e riconoscere la professionalità e il lavoro svolto dagli operatori sanitari reclutati nel corso della pandemia – spiega il presidente Giovanni Migliorema non è una semplice gratifica. Si tratta di costruire insieme il futuro del servizio sanitario nazionale e, per farlo, non si può non investire in risorse umane. Le assunzioni consentirebbero da subito di colmare le carenze di organico, determinate da anni di restrizioni della spesa e dall’imbuto formativo. Ma, soprattutto- conclude Migliore – ci permetterebbero di programmare e di investire in modo efficiente ed efficace le risorse assegnate alla formazione, destinandole esclusivamente al personale realmente ingaggiato a tempo indeterminato nell’organizzazione del Ssn“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Cateno De Luca si racconta a Donna Sarina: “Sono andato nell’aldilà e sono tornato” CLICCA PER IL VIDEO

Ospite della prima puntata del format web de ilsicilia.it “Donna Sarina” è Cateno De Luca, ex sindaco di Messina e leader dell’opposizione

BarSicilia

A Bar Sicilia, Nuccia Albano: “Al fianco dei deboli. Rdc? Siciliani chiedono lavoro”

E’ Nuccia Albano, assessore regionale alla Famiglia, Politiche Sociale e Lavoro, l’ospite della puntata numero 224 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, l’esponente della Dc ha fatto il punto sulle iniziative del Governo a sostegno dei disabili, delle vittime di violenza ma anche sugli interventi a sostegno dell’occupazione

La Buona Salute

La Buona Salute 61° puntata: Cancer Center

La 61^ puntata de La Buona Salute è dedicata al Cancer Center presso l’ARNAS Garibaldi di Catania, con nuovi spazi e tecnologia all’avanguardia per migliorare le prestazioni per i pazienti oncologici

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.