Condividi

Sequestro degli elenchi, il Gran Maestro del Goi Bisi: “La Massoneria forma uomini”

sabato 25 Marzo 2017

A Palermo scatta il giorno dell’orgoglio massonico.  Il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, Stefano Bisi, stamattina è volato nel capoluogo siciliano, dove ha tenuto un’affollata conferenza stampa per spiegare perché la più grande e antica istituzione massonica italiana si sia scagliata contro l’ordine, dato dalla Commissione parlamentare antimafia presieduta da Rosy Bindi, di sequestrare gli elenchi di alcune “obbedienze” massoniche. Ordine, eseguito dalla Guardia di finanza.

Con l’occasione, il Goi ha aperto per la prima volta le porte della sua “casa massonica”, la sede di piazzetta speciale, nel cuore del capoluogo siciliano a due passi da Ballarò, dove si trova il tempio della massoneria palermitana.

“Un provvedimento di altri tempi – ha spiegato Bisi – perché non fa altro che criminalizzare nei fatti una libera associazione, prevista dalla Costituzione italiana. Quanto portato avanti dalla Commissione parlamentare Antimafia finisce con l’identificare l’istituzione con la criminalità. E questo lo riteniamo un atto illecito”. “Il Grande Oriente d’Italia non è segreto, né riservato. Le nostre attività sono note. Come noti sono, ad esempio, i dirigenti e le nostre sedi. Cercando su Internet è possibile trovare ogni informazione, scaricare le nostre pubblicazioni. Oggi siamo arrabbiati perché abbiamo subito un provvedimento ingiusto. Un provvedimento che sentiamo come una ferita nel nostro cuore. E le ferite nel cuore non si cicatrizzano. La persecuzione della massoneria è stata sempre anticipatrice di derive totalitarie”.

Il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia è poi intervenuto sul sistema di controllo interno alla stessa comunione e alle logge. “Abbiamo ispettori circoscrizionali, abbiamo un controllo associativo. Sia chiaro – ha aggiunto –: non siamo pubblici ministeri. Non possiamo fare perquisizioni, non possiamo andare a controllare i conti correnti. Non siamo forze dell’ordine. Il nostro è un controllo associativo come quello di diverse associazioni. Noi, tuttavia, rispetto ad altri abbiamo carichi pendenti e casellario giudiziale dei nostri iscritti. E non credo che tante altre associazioni quando viene presentata una domanda facciano allo stesso modo”.

“I nostri principi – ha concluso Stefano Bisi – sono la libertà, la fraternità e l’uguaglianza. Sono in testa in tutti i nostri templi massonici. E c’è poi un altro simbolo che voglio ricordare: il cielo stellato. Anch’esso presente in ogni tempio. Un cielo che unisce tutti gli uomini: unisce i rifugiati che stanotte sbarcheranno sulle nostre coste e chi stasera guarderà il cielo da una terrazza di un albergo o dalla sua abitazione. Questo vuol dire che nei templi massonici, sotto questo cielo, ci sono persone di ogni categoria sociale. Pensare che nel Grande Oriente d’Italia ci siano soltanto alti e importanti personaggi del mondo dell’industria, grandi dirigenti e grandi politici è solo un luogo comune. Qui ci sono persone che hanno una sensibilità non comune, la massoneria forma uomini”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.