Condividi

“Sicilia queer filmfest”, tutti i vincitori della settima edizione

venerdì 2 Giugno 2017

Il “Sicilia queer filmfest” ha chiuso la settima edizione proclamando i vincitori durante la serata finale ai Cantieri Culturali della Zisa.

Primo classificato della sezione ‘Nuove Visioni’ e’ stato il lungometraggio “Brüder der Nacht” (Fratelli della notte, 2016) dell’austriaco Patric Chiha.

“Per la forza della messinscena e l’accuratezza del taglio proposto, che ha offerto un misto perfetto di finzione e realtà portando lo spettatore alla ricerca della verità”. Con questa motivazione la Giuria Internazionale del festival, presieduta dal regista portoghese João Pedro Rodrigues e composta da Silvia Calderoni, Jean-Sébastien Chauvin, Arnold Pasquier e Susanne Sachsse, ha assegnato il premio.

Per la categoria Queer Short la Giuria ha premiato “Im Efgosh kozem” (Se incontrassi un mago, 2015) dell’israeliano Shaked Goren, “per il suo modo di sviluppare una critica politica raffinata e ricca di allusioni delicate grazie al sapiente utilizzo del fuori-campo e del suono”. 

Una menzione speciale, invece, è andata al film “Division Movement to Vungtau” di Benjamin Crotty e Bertrand Dezoteux, perché colpita dall’utilizzo del found footage, tecnica che si basa sul recupero di film già esistenti, spesso documentari.

La Giuria 100 autori, composta da Marco Amenta, Carlotta Mastrangelo ed Enza Negroni, ha premiato il cortometraggio “1992” (2015) di Anthony Doncque, “un piccolo film dalla buona regia e interpretazione, che ha voluto così sperimentare, fiction e documentario”.

Il premio assegnato dalla Giuria del Coordinamento Palermo Pride è andato a “Secret Santa Sex Party” di Charles Lum e Todd Verow (USA, 2016), sugli incontri sessuali, gioiosi e consensuali, degli orgiastici ottuagenari del New York Prime Timers; la stessa Giuria ha espresso una menzione speciale per “Les îles” di Yann Gonzalez (Francia, 2016).

Il pubblico, infine, ha premiato il lungometraggio “Los objetos amorosos” (2016) dello spagnolo Adrián Silvestre e il cortometraggio “Szép Alak” (Bella figura, 2016) dell’ungherese Hajni Kis.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Ragusa, pista di atletica da 1,5 miliardi di lire nel degrado: mai utilizzata CLICCA PER IL VIDEO

L’ennesima cattedrale nel deserto. Ce l’avete segnalata voi, attraverso il numero WhatsApp 378.083 5993. È la pista di atletica di contrada da Montecalvo, a Vittoria, in provincia di Ragusa.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.