Condividi

“Sospendere la realizzazione di nuovi tram”, lo chiede il Comitato perPalermo

venerdì 5 Luglio 2019
Tram in via Roma - rendering
Tram in via Roma - rendering Comune di Palermo

 

“La realizzazione del tram è un’opera che incide profondamente sugli sviluppi urbanistici ed economici della città. Non è un problema la sua realizzazione in sé, è un problema la presentazione di un piano, il PUMS (Piano urbano della mobilità sostenibile) appena adottato, partito dalle tesi per arrivare alla programmazione: un progetto predeterminato per giungere alla realizzazione di tutte le nuove linee. Una pezza messa a posteriori su uno strumento di programmazione che è invece strategico. In questa ottica trova tristemente senso l’aperta ammissione, ascoltata in più occasioni da parte dell’amministrazione comunale, che «il tram è un dato di fatto». E da lì si doveva partire. Dal risultato preconfezionato e non dalla soluzione migliore. Per questo si chiede «l’urgente sospensione delle procedure in corso» poiché l’intera mobilità di Palermo diventa così funzione subordinata della realizzazione del tram e non viceversa come la legge esige”.

Lo scrive il “Comitato perPalermo”, composto da diversi professionisti. Fra questi, Roberto Bissanti, Giovanni Margiotta, Massimiliano Giudice, Fabio Davì, Carmelo Sardegna, Fabio Alfano, Giovanni Moncada, Francesco Cappello, Mario Guglielmino.

«La presentazione del PUMS, Piano urbano della mobilità sostenibile – dice l’ingegnere Roberto Bissanti, esperto di energie rinnovabili e sostenibilità – da parte della giunta, tardiva e carente di spiegazioni, rappresenta l’ultimo atto – purtroppo prevedibile – di un percorso di programmazione unilaterale da parte dell’amministrazione che non prevede un confronto reale sulla mobilità con la società civile, e che non tiene conto delle esigenze tecniche e di sostenibilità economica della città».

Questa, in estrema sintesi, la posizione del Comitato perPalermo, che con una nota invia una lettera-proposta indirizzata al sindaco Leoluca Orlando e alle istituzioni.

Il Comitato perPalermo intende sottolineare e precisare preventivamente come non ci sia da parte dei suoi esponenti alcuna preclusione “ideologica” nei confronti della realizzazione di opere come le nuove linee del tram appena varate, né si intende strumentalmente contrapporre al tram un progetto di metropolitana automatica leggera, peraltro già munita di progettazione di massima e sostenuta da linee di finanziamento in gran parte ignorate dall’amministrazione comunale.

Ci si chiede piuttosto quanto sia utile il tram, non come strumento connettivo fra le periferie e il centro, ma come mezzo di trasporto prioritario, si legge nella lettera, «nei quartieri centrali e centralissimi della città di Palermo, dove altri e infinitamente meno costosi mezzi – a partire da quelli già esistenti – sono in grado di assicurare velocità di percorrenza ed efficienza di gran lunga migliori».

La risposta è nella lettera in allegato, quale frutto degli studi compiuti da esperti, tecnici e specialisti del trasporto pubblico, della mobilità e urbanistica che aderiscono al Comitato perPalermo. E che giunge, peraltro, a conclusioni di sviluppo sostenibile come la concreta ipotesi, nota l’architetto Massimiliano Giudice, di realizzazione sull’asse di via Libertà di un «giardino lineare attrezzato con percorso ciclopedonale e brevi percorsi regolamentati per le esigenze residenziali. Una vera infrastruttura verde, un corridoio ecologico capace di ricucire il grande verde urbano della Favorita ed il centro città».

Di certo, quello che alla città non serve è un PUMS così redatto, in house, così da realizzare un’inaudita e conflittuale corrispondenza tra controllati e controllori.

«Nelle more della redazione di un PUMS libero e vero – dichiara l’ingegnere Giovanni Margiotta, presidente emerito dell’Ordine degli ingegneri della Provincia di Palermo – redatto da soggetti esterni, indipendenti ed opportunamente organizzati dal punto di vista tecnico-strumentale, che parta da reali processi partecipati, anch’essi liberi, riteniamo urgente la sospensione delle procedure in corso che risultano peraltro affette da vizi tali che la mancata sospensione in autotutela dell’iter potrebbe portare al loro blocco, con la conseguente perdita definitiva dei finanziamenti».

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.