Condividi

“Terzo livello” criminale a Messina, arrestati politici e imprenditori. Ai domiciliari l’ex presidente Barrile

giovedì 2 Agosto 2018
mafia

La Dia di Messina ha eseguito tredici ordinanze di custodia cautelare nei confronti di politici messinesi, esponenti della criminalità locale, imprenditori e faccendieri. Contestualmente sono stati sequestrati imprese e beni immobili per un valore di svariati milioni di euro.

emilia-barrileFra gli arrestati c’è l’ex presidente del consiglio comunale di Messina, Emilia Barrile, posta ai domiciliari, ritenuta in passato molto vicina all’ex sindaco ed esponente di Forza Italia Francantonio Genovese, ma che alle ultime amministrative si era candidata a sindaco della città dello Stretto, rompendo con l’ambiente politico di provenienza.

Barrile, prima nel centrosinistra, poi passata al centrodestra per transitare alla fine a una lista civica sua, quella de i Leali, è risultata la più votata alle ultime elezioni comunali dove ha preso 2800 preferenze. La lista, però, non ha superato lo sbarramento del 5% e Barrile non è più tornata al Consiglio Comunale. La donna è accusata di associazione a delinquere, abuso d’ufficio, atti contrari a doveri ufficio e violazione dei doveri di imparzialità nei confronti della pubblica amministrazione.

All’ex presidente del Consiglio comunale viene contestato un comportamento volto a favorire imprenditori a scapito di altri, mediante la violazione del sistema informatico del Comune. Fra coloro che avrebbero beneficiato di tali comportamenti, secondo i pm vi sarebbe Toni Fiorino, proprietario di una rete di supermercati.

L’inchiesta, denominata ‘Terzo livello‘, ha svelato l’esistenza di un comitato d’affari che per anni avrebbe gestito la cosa pubblica nella città dello Stretto. Tredici in tutto gli indagati, di cui undici sono stati posti agli arresti.

L’operazione è stata condotta dalla Dia di Messina insieme al centro operativo di Catania e ai centri e sezioni di Reggio Calabria, Palermo, Bari, Roma, Caltanissetta, Catanzaro e Agrigento. A coordinare il blitz la procura di Messina, guidata da Maurizio De Lucia, secondo cui gli indagati avrebbero intessuto fra loro rapporti clientelari nella gestione della cosa pubblica.

“Le indagini – scrive il gip che ha disposto le misure cautelari – rivelano la consuetudine della Barrile allo sfruttamento del potere di influenza che deriva dal ruolo pubblico per esercitare pressioni su dirigenti e funzionari del Comune per garantire il pronto soddisfacimento di interessi privati facenti capo a un ristretto gruppo di imprenditori cittadini a lei collegati da un inquietante logica del do ut des, essenzialmente costituito con prospettiva di ritorno sia elettorale che di assunzioni di parenti vicini presso attività imprenditoriali”.

Secondo gli investigatori, inoltre, la donna era il vero dominus di due coop, la Peloritana Servizi e la Universo Ambiente, che gestiva attraverso prestanome. Grazie ad amicizie, come quella con un personaggio già coinvolto in un blitz antimafia con l’accusa di concorso in associazione mafiosa, avrebbe gestito alcuni servizi di ristorazione e di fornitura di steward per il parcheggio all’interno dello stadio cittadino.

L’indagine della Dia coinvolge anche funzionari di alcune partecipate del Comune come l’ATM, società che gestisce i trasporti pubblici.

Leggi qui i particolari dell’inchiesta e i nomi degli indagati

Arresti a Messina fra politici, imprenditori e colletti bianchi. I nomi degli indagati

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.