Condividi

Torna il Carnevale Sociale, la nona edizione racconta l’alfabeto dei diritti

martedì 21 Febbraio 2017
Centinaia di bambini vestiti in maschera, le sfilate per i quartieri più “difficili” di Palermo, la gioia e la bellezza portati dove nel pregiudizio comune regnano il brutto e la tristezza; la nona edizione del Carnevale Sociale consolida quella che è a tutti gli effetti una tradizione del capoluogo palermitano, con tantissime realtà impegnate a regalare ai più piccoli una giornata da ricordare. Centinaia di volontari, attivisti e comuni cittadini, oltreché diversi istituti scolastici cittadini, riescono ogni anno a riempire e animare sempre più le piazze ed i vicoli dei quartieri “periferici” della città, rivendicando rumorosamente partecipazione, riscatto e protagonismo dei territori.
 
Tanti i quartieri che quest’anno, in poco più di una settimana, verranno animati da sfilate di carri, bambini, adolescenti e adulti in maschera, che si incontreranno, ospitando nel proprio quartiere e partecipando alle sfilate negli altri territori, per dar vita a momenti festosi.
 
“Quest’anno vogliamo immaginare che ogni coriandolo sia un diritto che si appiccica alla pelle della città e resta lì per sempre. Portiamo musica, colori e allegria per le strade dei nostri quartieri e inventiamo infinite combinazioni di parole per un alfabeto dei diritti che non escluda mai nessuno”.
 
testata-carnevale-2017
Si comincia venerdì 24 febbraio con la sfilata a Borgo Vecchio. Si prosegue il giorno successivo con una tappa al Prato Verde della Favorita (nei pressi del Campo Rom): alla luce di quanto accaduto negli ultimi giorni, la mattina di sabato 25 febbraio, si inserisce nel calendario una grande festa realizzata in collaborazione con l’adiacente Scuola Alcide De Gasperi per ribadire con forza l’importanza del rispetto dei diritti e della dignità di ciascuna persona, soprattutto dei bambini e delle bambine. Nel pomeriggio si continua al CEP e domenica 26 a Villagrazia di Palermo. Lunedì 27 febbraio di mattina a Borgo Nuovo e nel pomeriggio all’Olivella. Martedì 28 sarà la volta della Kalsa, dove si sfilerà di mattina, e dell’Albergheria, per la sfilata pomeridiana. Come sempre, la tappa conclusiva si terrà allo Zen, sabato 4 marzo.
 
Il Carnevale Sociale, iniziativa da sempre autofinanziata e agita dal basso, ogni anno dimostra come, in contrapposizione al continuo spreco di denaro pubblico e privato, sia possibile, con poche risorse, dar vita ad iniziative popolari importanti per i territori, che, piuttosto che su effetti speciali, fondano la propria ragion d’essere sulla concretezza e sullo spirito del voler fare.
 
Anche quest’anno, grazie alla disponibilità dell’Assessorato alla Scuola, sarà a disposizione da parte di AMAT un servizio navetta per permettere alle associazioni di poter partecipare alle iniziative inserite nel programma e organizzate in altri quartieri.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.