Condividi
La guida

Tutto pronto per il bonus auto 2024: a chi spetta e come fare richiesta

venerdì 31 Maggio 2024

Dopo quattro mesi di attesa è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Dpcm sulla rimodulazione degli incentivi per l’acquisto di veicoli a basse emissioni inquinanti. Lo comunica il Ministero delle Imprese e del Made in Italy (Mimit) sottolineando che “la nuova piattaforma Ecobonus per il servizio di prenotazione degli incentivi per l’acquisto di veicoli a basse emissioni inquinanti, sarà attiva dalle ore 10 del 3 giugno“.

E’ iniziato il conto alla rovescia per il lancio definitivo degli incentivi sull’acquisto delle auto. Lo scorso 2 aprile era iniziato l’iter e il 15 aprile il testo è approdato all’esame della Corte dei conti che ha avuto 30 giorni di tempo per effettuare i controlli.

In Sicilia in realtà già da febbraio e fino al 30 ottobre di quest’anno, si può presentare la domanda per beneficiare del contributo per l’acquisto di auto elettriche. Gli incentivi saranno a disposizione fino all’esaurimento delle risorse stanziate nell’esercizio finanziario 2024 e sono dedicati ad auto di categoria M1 con alimentazione elettrica e auto di categoria M1 full ibrida di classe Euro 6.

In totale gli incentivi da distribuire ammontano a 950 milioni di euro e puntano a dare una ulteriore scossa al settore automobilistico. A questa cifra si aggiungono altri 50 milioni rimasti dal 2020, aumenta anche il contributo massimo alla rottamazione che passa da 5 mila a 13.750 euro se si tratta della rottamazione di un’auto che inquina e per chi presenta un Isee inferiore a 30.000 euro.

Le risorse sono significative, come mai nel passato, un miliardo di euro, sia per auto sostenibili e ibride, sia per auto elettriche. Risorse importanti e significative che io ritengo sufficienti in questa fase del 2024”, dichiara il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso.

Quali sono le novità?

Sono previsti contributi proporzionali alla classe ambientale di appartenenza del veicolo da rottamare, incluse le vetture di classe Euro 5. È agevolato l’acquisto di auto elettriche, ibride plug-in e a motore termico con un livello di emissioni di CO2 fino a 135 gr-km, nonché di motocicli e ciclomotori elettrici e non elettrici e di veicoli commerciali leggeri. Inoltre, il prezzo di listino non deve essere superiore ai 35 mila euro per le autovetture delle fasce 0-20 gr-km (elettriche) e 61-135 gr-km (termiche) e ai 45 mila euro per la fascia 21-60 g-km (ibride plug-in).

Per leauto elettriche dei complessivi 950 milioni disponibili, 240 saranno destinati ad incentivare l’acquisto di vetture che rientrano nella fascia di emissioni di CO2 comprese tra 0 e 20 g-km. 

Per le “ibride plug-in“, invece, i 150 milioni destinati finanzieranno l’acquisto di vetture con prezzo pari o inferiore a 45mila euro con un contributo di 4mila euro, a cui si aggiungeranno ulteriori 4mila se si rottama un veicolo da Euro 0 a Euro 2, o ancora 2 mila euro se Euro 3 o 1.500 se Euro 4. Cifre più esigue andranno per l’usato (20 milioni), i veicoli commerciali leggeri (53 milioni) e il noleggio (50 milioni).

Infine, si introduce un contributo all’installazione di nuovi impianti bifuel (cioè Gpl o metano) per autotrazione su autoveicoli di classe fino a Euro 4: il contributo è pari a 400 euro per gli impianti a Gpl e 800 euro per quelli a metano.

Come funziona la nuova piattaforma?

La piattaforma Ecobonus sarà attiva dal 3 giugno alle ore 10 e sarà gestita da Invitalia. Il concessionario o rivenditore inoltrerà la domanda e riceverà conferma in base alla disponibilità residua del fondo. Il rivenditore riconoscerà il contributo al cliente, tramite compensazione del prezzo d’acquisto. Il costruttore rimborserà al concessionario il contributo erogato e riceverà da quest’ultimo la documentazione per recuperare il contributo rimborsato come credito d’imposta.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.