Condividi

Unicredit, Urzì (First Cisl): “Inaccettabile disimpegno in Sicilia” [VIDEO]

sabato 17 Febbraio 2018

Sono solo sei le assunzioni fatte da UniCredit negli ultimi dieci anni in Sicilia a fronte di una progressiva riduzione delle filiali e del personale incentivato ad andare in pensione attraverso un piano esodi.

Per Gabriele Urzì, segretario nazionale della First Cisl del gruppo bancario, si tratta di un chiaro segnale di disimpegno, che peraltro al momento non dà seguito agli accordi siglati tra l’Istituto di credito e i sindacati per quanto riguarda le centinaia di assunzioni previste. Un disimpegno, spiega il sindacalista, che non può essere giustificato dall’avvento dell‘home banking, dalla sovrapposizione geografica di alcune agenzie o dalla necessità di abbattere i costi necessari per mantenere gli sportelli fisici.

Urzì inoltre non condivide la posizione del regional manager siciliano di UniCredit, Salvatore Malandrino, che qualche giorno fa ai nostri microfoni aveva detto che la razionalizzazione delle filiali non penalizza le imprese“La chiusura indiscriminata di molti sportelli – spiega Urzì – non fa bene né alla clientela né al tessuto economico di questa Regione. Il paradosso è che in alcune piazze addirittura si è rimasti completamente sprovvisti di uno sportello bancario con danni alla clientela, secondo noi danni anche alla banca che perde margini di mercato e al tessuto sociale che ne risente”.

“I disagi sono evidenti – continua – perché proprio il commercio al dettaglio è quello che risente di più dell’assenza di una banca nel territorio, per una serie di esigenze che sono quelle di tutti noi: la negoziazione di un assegno piuttosto che una consulenza o della necessità di recarsi fisicamente in banca. Faccio una battuta, difficilmente vedo qualcuno che parla con un Atm automatico. Per cui già per il privato è sicuramente un disagio, ma ancora di più per un commerciante che ha una serie di esigenze che al di là delle battute non possono essere soddisfatte da un’apparecchiatura elettronica ancorché evoluta”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.