Condividi

Vincenzo Profeta racconta “La Palermo Male” tra esoterismo, blasfemia e misticismo

martedì 2 Febbraio 2021

Blasfemo, esoterico e trash, l’artista palermitano Vincenzo Profeta fa parlare di sé con il romanzo “La Palermo male“.

Fondatore del Laboratorio Saccardi, con Marco Leone Barone, Profeta ha sempre esposto con la pittura e la scultura una sferzante e irriverente critica nei confronti della società e del mondo dell’arte tra atmosfere oniricamente occulte, surreali e pop.

Con un horror sociale che per un’assurda inversione di significato diventa una lode mistica a Dio, ora, l’artista travalica tutti i limiti del buon gusto e della decenza.

L’INTERVISTA

Vincenzo perché ti sei dato alla scrittura e di cosa parla il tuo libro?

L’ho sempre fatto in passato tramite una rivista musicale e poi con i social. Il  libro mi è venuto quasi naturale scriverlo.

Protagonista del libro è un “Io” paranoico, sofferente e complottista che si inabissa nel suo delirio tra evocazioni sataniche, droghe e convegni di terrapiattisti.

Perché la “Palermo male”?

La “Palermo male” è un titolo pop facile da ricordare. Con questo libro volevo confondere le idee e creare casino.

Vincenzo Profeta

Su Palermo, negli ultimi anni, sono usciti solo libri turistici, pippe sociologiche sui nobili e sulla Palermo bene o di mafia. In questi trovo ridicolo quando si parla di una città borghese e perbenista riscattata dalla mafia. Una falsità enorme perché la mafia ha semplicemente vinto, non ha bisogno di uccidere nessuno, perché nessuno la combatte più.

Palermo ha mille facce e nel libro offro luoghi inquietanti che mostrano l’anima nera della vita. Sì perché la città ha una maledizione inscritta in uno dei suoi simboli, il Genio di Palermo, che è in copertina. “Alienus nutrit” ossia nutre gli stranieri e uccide i suoi figli. Da questo niente di buono può venirne fuori, infatti siamo gli ultimi in tutto, e proprio per quello è bellissima Palermo.

La grafica del libro

Il libro ha una scrittura per niente lineare ma schizoide e racconta un disagio cronico. Ho voluto così creare questa integrazione tra scrittura e simboli come per mandare messaggi subliminali. Questa cosa è stata interpretata magistralmente dai grafici di “Gog” con riferimenti digitali. Tra una pagina e l’altra infatti trovi riferimenti a passati sistemi operativi, videogiochi anni ’80, pop-up di social network, ma anche errori di codice.

Il risultato? Brutale, potente ed evocativo proprio come piace a me.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Di Sarcina e la rivoluzione dei porti del mare di Sicilia Orientale CLICCA PER IL VIDEO

Dal Prg del porto di Catania ai containers ad Augusta, passando per lo sviluppo di Pozzallo e l’ingresso di Siracusa nell’AP, il presidente Di Sarcina spiega obiettivi e progetti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.