Condividi

WindTre: “Lavoratori di tutta Palermo unitevi”. Stasera fiaccolata in Piazza Verdi

martedì 20 Giugno 2017
windtre

Si riuniranno stasera in Piazza Verdi, dalle ore 21 alle 24, per una fiaccolata contro l’ipotesi esternalizzazione, i 300 dipendenti palermitani di WindTre. L’appello è stato esteso a tutti i lavoratori della città che vivono la loro stessa condizione, al fine di costituire un comitato di lotta comune e permanente. Ci saranno, infatti, anche rappresentanze delle altre vertenze che in questi ultimi tempi hanno investito alcune importanti realtà occupazionali del settore, come Almaviva e Tim. All’iniziativa sono state invitate anche le organizzazioni sindacali.

Dopo la fusione tra le due compagnie, il colosso della telefonia ha deciso di cedere il ramo d’azienda dedicato alla customer care. Si tratta di 900 persone che lavorano nelle quattro sedi italiane di Cagliari, Genova, Roma e Palermo. Una scelta che agli occhi dei sindacati cozza contro un piano industriale fatto di notevoli investimenti sui fronti infrastrutturale e tecnologico. “Ci troviamo in una condizione di subalternità rispetto ad un sistema che ci vede merce sostituibile. Tra le merci noi lavoratori siamo diventati quella meno pregiata”, ha dichiarato  Marilena Sansone, una delle organizzatrici della fiaccolata e lavoratrice di WindTre.

Nonostante la contrarietà espressa sin da subito dai sindacati, l’azienda ha deciso di procedere senza indugi individuando come acquirente Comdata Spa, tra i maggiori player nel campo dei call center a livello mondiale. La credibilità di quest’ultimo però non è bastata a dissipare le preoccupazioni, nè tanto meno è bastata la rassicurazione fornita di non delocalizzare per almeno 7 sette anni, 5 in più di quanto in questi casi prevede la legge.

“Il governo – spiega Sansone – avrebbe potuto utilizzare la golden power per garantire i diritti dei lavoratori. Una procedura prevista per tutte quelle attività considerate strategiche ai fini della tutela degli interessi nazionali e quella delle telecomunicazioni è una di queste”.
“Basterebbe guardare la situazione nella quale si trovano i nostri colleghi – continua – che hanno subito l’esternalizzazione, per rendersi conto che si tratta di un’operazione a scapito del capitale umano, sia dal punto di vista della retribuzione, sia da quello dei diritti. Faremo ricorso a tutti gli strumenti giuridici a nostra disposizione per evitare tutto questo”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.