Condividi

Acqua inquinata e cattiva informazione a Palermo? Esposto della Lega in procura

sabato 7 Marzo 2020
Igor Gelarda e degli altri consiglieri Marianna Caronia, Elio Ficarra ed Alessandro Anello

“Siamo già alle prese con il problema dell’emergenza del coronavirus e della gravissima crisi del turismo e delle attività commerciali che colpisce la città. Come se non bastasse si scopre anche che c’è anche un emergenza acqua potabile in metà della città” dichiara il gruppo consiliare della Lega per bocca del suo capogruppo Igor Gelarda e degli altri consiglieri Marianna Caronia, Elio Ficarra ed Alessandro Anello.

Una serie di notizie fuorvianti – spiega il gruppo consiliare – si sono susseguite nella giornata di ieri (venerdì 6 marzo 2020), e hanno creato allarmismo tra i cittadini palermitani, facendoci vivere un pomeriggio folle. E come se non bastasse il sito di Amap, per quasi tutta la giornata di ieri, non era raggiungibile. Dapprima la protezione civile che annunciava la non potabilità dell’acqua a seguito delle indicazioni dell’Amap, e infine l’intervento di Orlando che “rassicurava” che l’ emergenza aveva riguardato i giorni passati ed era ormai superato, per fortuna poi in serata ieri è arrivata la nota Asp che annunciava che può essere revocata l’ordinanza sulla non potabilità dell’acqua“.

Ma Orlando deve spiegarci perché tutto questo ritardo nel firmare l’ordinanza di non potabilità dell’acqua. Dal sito Amap e da quello Asp si evince infatti che le analisi dell’Asp, per le quali non era idonea al consumo l’acqua in alcune zone di Palermo, risalivano al 25 febbraio, anche se sono state trasmesse al comune il 28 di febbraio , con una presenza di coliformi e di escherichia coli (che sono batteri), ma anche di solfati ed alluminio superiori alla media, che la rendevano non conforme all’uso umano ai sensi del d.Lgs 31/2001.  – prosegue la nota – Mentre l’ordinanza sindacale n. 27, che vietava l’uso potabile dell’acqua era del 6 marzo, cioè di 7 giorni dopo rispetto la comunicazione delle analisi da parte dell Asp al comune! Vogliamo capire se per una settimana la metà dei cittadini palermitani ha usato per bere e per cucinare acqua ufficialmente non potabile e nessuno ci ha detto nulla, considerato che gli esami fatti da Amap, in autonomia, non sono avallati dalla Asp, che deve farli nei suoi laboratori accreditati”.

Tutto questo  – concludono gli esponenti della Lega – a dimostrazione che non solo la comunicazione ma anche l’organizzazione dell’amministrazione comunale è stata fallimentare. Per questo la Lega presenterà un esposto in procura, al fine di sapere se ci sono stati ritardi o omissioni nella comunicazioni di non potabilità dell’acqua da parte di qualcuno, oppure se c’è stato un procurato allarme. Chiederemo che i responsabili di eventuali reati vengano perseguiti a norma di legge, e chi ha sbagliato nei confronti della cittadinanza palermitana ne risponda in prima persona, perché non si gioca con la salute dei cittadini. Specie in un momento di difficoltà e di crisi che stiamo vivendo ”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Di Sarcina e la rivoluzione dei porti del mare di Sicilia Orientale CLICCA PER IL VIDEO

Dal Prg del porto di Catania ai containers ad Augusta, passando per lo sviluppo di Pozzallo e l’ingresso di Siracusa nell’AP, il presidente Di Sarcina spiega obiettivi e progetti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.