Condividi
Il provvedimento

Adrano (CT), furto in un ex struttura di beneficenza: ordine di carcerazione per un trentunenne

giovedì 20 Giugno 2024

I poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Adrano (CT) hanno proceduto ad eseguire l’ordine di carcerazione per esecuzione pena nei confronti di un adranita di 31 anni, dovendo quest’ultimo espiare la pena cumulativa residua di un anno e 10 mesi, a seguito di sentenza che lo ha riconosciuto colpevole del reato di furto aggravato in concorso, consumato ai danni di un’ex struttura di accoglienza per bambini gestita da una Fondazione di Adrano.

Nel marzo del 2024, l’uomo, unitamente a un complice, è stato tratto in arresto dai poliziotti del Commissariato, in quanto colto in flagranza di reato, mentre caricava su un veicolo diverse attrezzature e altro materiale appena asportati dai locali della sede dismessa della Fondazione, dove si erano introdotti forzandone il cancello di ingresso.

A seguito della recente sentenza di condanna, il Tribunale di Sorveglianza di Catania, sulla scorta delle accurate informazioni fornite dagli organi di polizia in merito ai precedenti penali, alla pericolosità sociale e alle diverse violazione delle prescrizioni, sia durante gli arresti domiciliari sia durante la libertà vigilata, misure alla quali in passato l’uomo era stato sottoposto, rigettava la misura alternativa della detenzione domiciliare, nonché l’eventuale Affidamento in prova ai Servizi Sociali.

In considerazione di ciò, l’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica Catania, determinate le pene concorrenti in quanto recidivo, ne ordinava la carcerazione dovendo scontare la pena residua di un anno e 10 mesi.

Dopo gli adempimenti di rito, l’uomo – rintracciato presso la propria abitazione – è stato condotto alla Casa Circondariale di Piazza Lanza

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.