Condividi
I maltrattamenti

Aggredisce la madre per estorcerle il denaro, arrestato un trentaduenne a Catania

sabato 1 Giugno 2024

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Catania, nella serata, hanno arrestato nel quartiere “Villaggio Sant’Agata”, un 32enne pregiudicato del posto per i reati di maltrattamenti verso familiari e estorsione.

In particolare la Centrale Operativa di Catania, ricevuta la richiesta di aiuto di una signora che era stata appena aggredita dal figlio, ha subito inviato una gazzella dell’Arma, già impiegata in un servizio di prevenzione dei reati in genere, nel quartiere del Villaggio Sant’Agata, presso l’abitazione della donna, una 57 enne del posto.

In quei concitati momenti, la profonda conoscenza del territorio e la consapevolezza che un tempestivo intervento in occasione di questi gravi eventi è fondamentale per salvaguardare l’incolumità delle vittime, ha permesso ai militari del Nucleo Radiomobile di raggiungere velocemente il posto e, quindi, di evitare il peggio.

Nel frangente l’equipaggio, avuto accesso all’appartamento, si è trovato di fronte alla signora, in forte stato di agitazione, che però si è subito calmata quando ha visto i Carabinieri. Rassicurata quindi dalla loro presenza, la vittima ha iniziato a raccontare di essere stata insultata e minacciata dal figlio, a seguito del suo rifiuto ad un’ennesima richiesta di denaro.

Come se non bastasse, l’appartamento, ispezionato dalla pattuglia, recava ancora i segni della furiosa lite, con sopramobili rotti e disseminati ovunque sul pavimento e impronte di pugni sulle porte delle stanze.

Non trovando il 32 enne in casa, sicuramente scappato per timore dell’imminente arrivo delle Forze dell’Ordine, sono scattate subito le ricerche da parte dei Carabinieri, che in brevissimo tempo sono riusciti a rintracciarlo e a bloccarlo mentre era nascosto all’interno della macchina della madre, parcheggiata poco distante.

Sentendosi ormai al sicuro grazie alla presenza dei militari dell’Arma, la signora ha iniziato a sfogarsi, raccontando la sua triste storia, che durava ormai da tanti anni, durante i quali il figlio le aveva ha sempre chiesto del denaro e, nel caso di un eventuale rifiuto, era subito diventato aggressivo.

In particolare quell’ultimo episodio aveva avuto inizio nel pomeriggio, quando il giovane, rincasato prima del solito, aveva chiesto alla madre dei soldi. La donna in questa circostanza, avrebbe rifiutato di accontentarlo, risposta che aveva fatto infuriare il malvivente, che aveva così iniziato ad offenderla e a intimorirla, fino al punto da costringerla a consegnargli la somma di 10 €.

In parte appagato per il denaro ricevuto, l’uomo si era quindi allontanato da casa per qualche ora, ma era purtroppo ritornato alla carica la sera stessa, quando, nonostante la presenza di una vicina di casa, aveva nuovamente chiesto del denaro.

La mamma, questa volta, per evitare scenate alla presenza dell’estranea, aveva consegnato al figlio ulteriori di 20 €, che stavolta però non gli erano bastati. Il figlio infatti ava iniziato ad insultarla e minacciarla di nuovo dicendole: “scimunita ca si ma dari i soddi picchi ti rumpu tutta a casa…..o mi duni tutti i soddi o t’abbiu fora ra casa…”

In un lampo il giovane, estremamente agitato, era poi passato dalle parole ai fatti, iniziando a rovistare in tutti i soprammobili e suppellettili, per poi scaraventarli sul pavimento. Successivamente, non contento, si era diretto verso l’armadio della madre nell’altra stanza.

Questa furia era durata alcuni minuti, e sarebbe continuata ancora per molto tempo, se la donna, approfittando della momentanea assenza, non avesse preso il telefono per chiamare i Carabinieri.

L’aggressore è stato arrestato e posto a disposizione dell’Autorità giudiziaria, che ha convalidato l’arresto e disposto la misura della custodia cautelare presso il carcere di Catania – Piazza Lanza.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.