Condividi
Il fatto

Catania, atti persecutori nei confronti dell’ex fidanzata: scatta il divieto di avvicinamento per un trentaquattrenne

domenica 26 Maggio 2024

La Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, nell’ambito dell’attività investigativa svolta dai Carabinieri a Librino a carico di un 34enne catanese, indagato per “atti persecutori”, ha richiesto ed ottenuto dal Gip del Tribunale di Catania, nei suoi confronti, la misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa, con l’ulteriore prescrizione di mantenere una distanza non inferiore a 500 metri sia dai predetti luoghi che dalla vittima.

Le indagini, coordinate dal pool di magistrati qualificati sui reati che riguardano la violenza di genere, in uno stato del procedimento nel quale non è ancora intervenuto il contraddittorio con l’indagato, hanno fatto luce sulle ripetute ed invasive condotte vessatorie, poste in essere dall’uomo, dirette a minare la serenità della vittima, una 31enne catanese.

Al riguardo, la donna, dopo una lunga relazione sentimentale con l’indagato durata oltre 16 anni, nel mese di ottobre del 2023 aveva deciso di troncare il rapporto di convivenza.

Tale scelta non sarebbe stata affatto accettata dall’indagato, il quale avrebbe iniziato a minacciare e molestare la 31enne, forte della conoscenza di ogni abitudine, dei luoghi frequentati e di tutte le amicizie.

Tenendo una serie di comportamenti molesti ed intimidatori, il 34enne, anche senza mai compiere alcuna violenza fisica o lesioni in danno all’ex, le avrebbe comunque ingenerato un continuo stato di ansia e di paura, come anche un fondato timore per la sua incolumità, costringendola, da ultimo, a cambiate le proprie abitudini di vita.

In più occasioni l’avrebbe quindi minacciata: “potremmo anche morire insieme…uccidendoci”…oppure “se ti succedesse qualcosa io ne morirei, non avrei più motivi per andare avanti” e molestata appostandosi ripetute volte davanti al luogo di lavoro della stessa, al fine di convincerla a riallacciare la relazione sentimentale con lui, fino a pedinarla mentre rientrava a casa con una collega, tempestandola di vocali sul suo smartphone per farla scendere dall’auto ed avere un confronto con lui.

Ed ancora, avrebbe inviato messaggi ad un’amica di lei, chiedendole appuntamenti per portare anche l’ex e vederla o, in altre occasioni, avrebbe chiesto a familiari e conoscenti della donna, informazioni per sapere dove si trovava.

Così facendo, l’avrebbe ulteriormente tormentata con numerose telefonate, sms e messaggi di posta elettronica, su note applicazioni social, anche in ore notturne, tanto da costringere la vittima a cambiare il numero di cellulare per ben tre volte.

L’indagato, in preda ad una gelosia ossessiva, avrebbe poi minacciato anche di compiere gesti autolesionistici, per convincere la 31enne a riallacciare la relazione sentimentale con lui: “cosa faresti se mi succedesse qualcosa? Mi cercheresti? Verresti in ospedale? E se mi succede qualcosa di più grave? Ti devasterebbe o ti sarebbe indifferente?”.

Proprio in una di queste occasioni, l’indagato, quando la donna gli avrebbe comunicato di volerlo lasciare, si sarebbe puntato un coltello da cucina al petto dicendole “uccidimi, colpiscimi”, nella speranza che lei non andasse via di casa.  In numerose occasioni il 34enne, utilizzando espressioni di morbosa possessività, le avrebbe infine scritto: “(ti) voglio solo MIA”, “sei tu la mia persona”.

L’insieme di tutti questi gravi episodi, hanno indotto, la malcapitata a limitare le uscite di casa da sola, poiché temeva ulteriori raid da parte dell’uomo, costringendola, addirittura, a portare sempre con sé lo spray al peperoncino per autodifesa.

I comportamenti dell’indagato sono stati riscontrati compiutamente anche dal narrato di testimoni e comunicate dai militari dell’Arma alla Procura della Repubblica, che ha chiesto l’emissione di provvedimenti cautelari al Giudice per le indagini preliminari il quale, in ragione delle esigenze cautelari ravvisate, tenuto conto della rilevante gravità delle condotte maltrattanti, ha deciso di adottare la misura cautelare ritenuta, al momento, più idonea, del divieto di avvicinamento con braccialetto elettronico.

I militari della Stazione di Librino, stante il rifiuto da parte dell’indagato dell’applicazione del presidio di controllo a distanza, hanno sottoposto il 34enne, come disposto dall’A.G., oltre che alla misura cautelare in parola, anche a quella dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.