Condividi
l'appello

Al via la caccia ai mufloni del Giglio: il grido disperato degli animalisti

martedì 25 Ottobre 2022
L’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) lancia un mailbombing contro la caccia ai mufloni dell’Isola del Giglio. Si può sottoscrivere la protesta alla pagina web https://www.oipa.org/italia/mufloni-isola-del-giglio-mailbombing , che inoltrerà automaticamente la lettera di dissenso alle autorità coinvolte nella decisione di rendere cacciabili questi maestosi animali se avvistati fuori dal Parco dell’Arcipelago toscano.
Comparotto: «Contrari al massacro sono anche agricoltori che, riuniti nel comitato “Save Giglio”, smentiscono l’esistenza dei danni alle colture, come invece si vorrebbe far credere per giustificare la mattanz
L’Oipa chiede alla Regione Toscana e all’Ente Parco dell’Arcipelago toscano di sospendere immediatamente le uccisioni dei mufloni del Giglio. In piena crisi ambientale e di fronte a soluzioni alternative valide e non cruente, non è pensabile che, ancora oggi, si ricorra alle armi e a una carneficina che non risparmia nemmeno le femmine gravide e i cuccioli.
«Una politica lungimirante, anche nell’interesse economico dell’isola, dovrebbe fare il possibile per individuare degli strumenti capaci di tutelare la vita degli animali nell’ottica di una convivenza pacifica con la nostra specie», commenta il presidente dell’Oipa, Massimo Comparotto. «Contrari a questo massacro sono non soltanto gli attivisti giunti sul posto, la cui posizione è sostenuta da studiosi, esperti del settore e da diverse associazioni, ma anche la maggioranza degli isolani, i turisti e gli agricoltori che, riuniti nel comitato Save Giglio, smentiscono l’esistenza di danni alle colture causati dai mufloni, come invece si vorrebbe far credere per giustificare la mattanza».
La Regione Toscana, con delibera di Giunta n. 813/2022, ha approvato il Piano di prelievo del muflone 2022-2023, dando il via libera agli abbattimenti nell’area dell’isola non rientrante nella zona di protezione. Nel mirino dei cacciatori di selezione, autorizzati a sparare dal 1° ottobre 2022 al 15 marzo 2023, anche “femmine adulte, sottili (tra i 12 e i 24 mesi) e piccoli (di entrambi i sessi)”, come si legge nel provvedimento. I fatti. L’Ente Parco dell’Arcipelago Toscano ha deciso di eradicare questa specie in quanto considerata “aliena e invasiva”, ignorando tuttavia un’importante scoperta pubblicata dalla rivista scientifica internazionale Diversity, che ha attestato come i mufloni del Giglio custodiscano un Dna ancestrale ormai perso nella popolazione sorgente sarda, rendendoli ad alta priorità di conservazione. Introdotto nell’isola negli anni ’50 nell’ambito di un progetto di tutela della specie dall’estinzione e per consentire il ripopolamento di riserve e parchi in tutta Italia, il muflone del Giglio è rimasto geneticamente puro data l’assenza sull’isola di greggi di pecore che, invece, popolano abbondantemente la Sardegna, la Corsica e Cipro, dove i loro simili sono invece protetti.
I mufloni del Giglio, dunque, sono gli ultimi del loro genere e abbatterli significa perdere una grande ricchezza in termini di biodiversità. L’Ente Parco asserisce che per l’Ispra lo studio pubblicato su Diversity “non ha introdotto elementi tali da modificare le valutazioni già espresse e come sempre l’Ente Parco si atterrà alle indicazioni di Ispra”, la quale a sua volta sostiene che la popolazione presente sull’isola è di origine alloctona, quindi il controllo e l’eradicazione di questa specie di ungulato sono necessari per tutelare la biodiversità e gli equilibri ecologici dell’isola. Dopo le proteste dei cittadini e delle associazioni, l’Ente Parco aveva accettato di sospendere gli abbattimenti procedendo alla cattura degli animali per il loro trasferimento e sterilizzazione fuori dall’isola, ma ora, dopo l’approvazione della delibera della Giunta della Regione Toscana, si torna di indietro e s’imbracciano i fucili per eliminare gli ultimi esemplari rimasti.
Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Ragusa, pista di atletica da 1,5 miliardi di lire nel degrado: mai utilizzata CLICCA PER IL VIDEO

L’ennesima cattedrale nel deserto. Ce l’avete segnalata voi, attraverso il numero WhatsApp 378.083 5993. È la pista di atletica di contrada da Montecalvo, a Vittoria, in provincia di Ragusa.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.