Condividi

Alberto Samonà è il nuovo direttore de ilSicilia.it: la sfida di un giornale sempre più libero

lunedì 13 Marzo 2017

Ci siamo. Eccome se ci siamo. ilSicilia.it è andato online il 20 novembre scorso. Sono trascorsi quindi poco più di cento giorni dalla sua nascita, quanto basta per tirare un primo importante bilancio: positivo senza dubbio. Come editore volevo un giornale dal linguaggio semplice e immediato, con notizie che fanno capire e non soltanto sapere. Un giornale che diventi un riferimento nuovo e diretto per oltre cinque milioni di siciliani. Da Messina a Trapani, da Siracusa a Palermo abbiamo riscontrato nei confronti della nostra iniziativa un interesse fuori dal comune. Un’attenzione confermata da dati e numeri di visualizzazioni e contatti che si sono rivelati superiori ad ogni più rosea aspettativa. E per questo ci sentiamo di rivolgere un grazie di cuore a tutti i nostri lettori.

Dopo tre mesi di lancio si apre adesso per la testata una nuova fase. Come da progetto editoriale, ilSicilia.it ha da oggi un nuovo direttore responsabile: è Alberto Samonà, firma e nome importante del giornalismo e della cultura siciliana. Voglio ringraziare Marco Bova che si è assunto in questi mesi la grande responsabilità della start-up editoriale. Marco ha fatto un lavoro eccellente, così come confermano i numeri. Continuerà a scrivere per noi, tornando al suo lavoro di cronista sul campo. Grazie Marco.

Con il nuovo direttore lavoreremo per essere presenti oltre la quotidianità siciliana, nella convinzione che ai lettori vada offerto un prodotto giornalistico di approfondimento e non solo di semplice cronaca. Del resto, tra coloro che siedono nella stanza dei bottoni quanti sono quelli che pensano ai reali bisogni della Sicilia e dei siciliani? A parole tutti, nei fatti nessuno. E la disoccupazione  record di cui parlano tutti i recenti dati economici, vuol dire che si è calpestata perfino la dignità delle persone.

Nei prossimi mesi voteremo per comuni, Regione, Camera e SenatoInsieme vedremo se le promesse di chi si ricandida sono state mantenute. Daremo voce al mondo della scuola, delle professioni, alle micro e piccole imprese e a tutti i dipendenti pubblici e privati. Parleremo di quei politici bravi a promettere e avari a mantenere. Cercheremo di capire se dietro la buona scuola, la buona riforma del lavoro, la buona formazione professionale e la buona legge elettorale non si nasconde una buona fregatura per chi deve fare quadrare i conti .

Noi non ci fermeremo. Anzi, andremo al raddoppio. ilSicilia.it, infatti, tra breve presenterà la propria Web Tv, uno strumento moderno e ormai indispensabile per che vuole essere informati in tempo reale, senza infingimenti né vuote rappresentazioni. Di qualcuno, va da sé, bisogna pur fidarci. Noi ci fidiamo dei nostri lettori e della loro capacità di critica. A Voi, cari lettori e siciliani, chiediamo di continuarvi a fidare di noi, un giornale senza padroni e né padrini.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.