Condividi
I dati del Ministero della Salute

Alcolismo e Covid-19: cos’è “l’effetto rimbalzo” che sta colpendo gli italiani?

martedì 20 Settembre 2022

La pandemia da Covid-19 ha profondamente cambiato le nostre abitudini. In particolare il lockdown iniziato il 9 marzo e conclusosi il 18 maggio 2020 ha messo a dura prova gli Italiani, costringendoli ad apportare notevoli cambiamenti nelle abitudini e nello stile di vita.

L’isolamento forzato ha incrementato il consumo incontrollato di bevande alcoliche, stimolato anche da iniziative come gli “aperitivi digitali” sulle video chat o sui social network. Ma per molti l’alcol è stato uno strumento per alleggerirsi dalle tensioni provocate dall’isolamento, dalle problematiche economiche, lavorative, relazionali e dalla generale paura diffusa nella popolazione.

L’approvvigionamento di bevande alcoliche non ha conosciuto pause nel periodo del lockdown esasperando ulteriormente le condizioni dei soggetti in precedenza già a rischio e non solo.

Nel periodo della pandemia, la reclusione ha significato soprattutto una riduzione di prestazione da parte dei servizi territoriali per le dipendenze a favore di persone che avevano e che hanno ancora problemi legati all’abuso patologico di alcolLe persone che erano già dipendenti da alcoli, durante la pandemia – in un modo o nell’altro – sono riusciti a continuare il loro abuso con, però, dei servizi pubblici che non sono stati in grado di accoglierli e curarli.” ha spiegato il dottor Fulvio Fantozzi, medico legale e delle dipendenze ed ex primario dei SerT di Carpi e Mirandola.

La pandemia ha penalizzato l’operatività dei servizi territoriali per le dipendenze e ha ritardato l’intervento su persone che bevevano troppo e che nel tempo hanno sviluppato una vera e propria dipendenza. I SerT e i servizi alcologici hanno incontrato immense difficoltà durante la pandemia – alcune strutture hanno persino chiuso – e di conseguenza molte persone non sono state diagnosticate o trattate adeguatamente“.

Nel marzo 2022 il Ministero della Salute, in collaborazione con le Regioni, ha promosso la seconda Conferenza Nazionale Alcol, intitola Informare, educare, curare: verso un modello partecipativo ed integrato dell’alcologia italiana”, nel corso della quale è stato evidenziato come, basandosi su dati forniti dall’ISTAT, il consumo di bevande alcoliche nella popolazione italiana sia generalmente aumentato. Nel corso della pandemia da Covid-19, in Italia sono 8,6 milioni i consumatori a rischio, in aumento rispetto al 2019 sia per gli uomini (+6,6%) che per le donne (+5,3%).

Complessivamente il 22,9% dei consumatori e il 9,4% delle consumatrici hanno bevuto alcolici secondo modalità a rischio per la salute, ma l’impatto maggiore è stato registrato per i target più vulnerabili, i minori tra i 16 e i 17 anni (760.000) e gli anziani ultra 65enni (2.600.000).

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Dipasquale (Pd): “Fronte compatto contro il governo Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Due volte sindaco di Ragusa e deputato regionale del Pd, all’Ars dal 2012, Nello Dipasquale, è ospite questa settimana a Bar Sicilia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.