Condividi
La dichiarazione

Allarme imprese, decontribuzione Sud a rischio: “Serve una proroga”

venerdì 17 Maggio 2024
imprese

Sono a fianco alle imprese e condivido le parole del presidente di Confindustria Sicilia, Gaetano Vecchio, riguardo il rischio che può causare in tutto il Sud d’Italia, interrompere l’incentivo ‘decontribuzione Sud“. Lo dice l’assessore alle Attività Produttive della Regione Siciliana Edy Tamajo a seguito della notizia riguardo l’assenza di proroga dopo la scadenza del 30 giugno 2024 della misura, come previsto dalla Commissione Europea.

Edy Tamajo“La decontribuzione per il Sud, una misura vitale per il rilancio economico delle regioni meridionali italiane, necessita urgentemente di una proroga. Questa agevolazione, che prevede una riduzione del 30% dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, è stata finora uno strumento cruciale per sostenere l’occupazione e incentivare gli investimenti di tutto il Mezzogiorno”, continua Tamajo.

La continuità di questo incentivo è fondamentale per garantire la stabilità economica e favorire una crescita sostenibile nelle aree del Sud d’Italia, – prosegue – storicamente penalizzate da tassi di disoccupazione elevati e da un tessuto produttivo meno sviluppato rispetto al resto del Paese. Tuttavia, per assicurare un impatto duraturo, è indispensabile che la Commissione Europea valuti positivamente una proroga ulteriore della decontribuzione, oltre la scadenza attuale. Questa proroga permetterebbe alle imprese di pianificare a lungo termine, consolidare le proprie attività e investire in innovazione e sviluppo“.

Giuseppe Lupo

“La mancata proroga dell’incentivo della decontribuzione al Sud e’ un fatto grave e inaccettabile che peserà come un macigno sul bilancio delle imprese, sullo sviluppo occupazionale e il futuro delle aree più deboli del paese”. Lo ha detto Giuseppe Lupo candidato del partito democratico al Parlamento Europeo, che aggiunge :”Condividiamo la preoccupazione manifestata da Confindustria Sicilia, e ci auguriamo che il governo riattivi urgentemente la decontribuzione, che rappresenta un incentivo importante e significativo per combattere le diseguaglianze territoriali sostenendo il lavoro produttivo nel mezzogiorno”.

 

 

La decontribuzione Sud è il principale incentivo all’occupazione nel meridione e allo stesso tempo una formidabile leva che ha aiutato in questi anni l’Italia sulla strada della coesione del Paese. È troppo rischioso interrompere questo processo a metà anno. L’intera nazione rischia di pagarne un prezzo altissimo in termini di caduta del Pil e dell’occupazione. Ci sono moltissimi contratti a termine che andranno a scadenza nei prossimi mesi e che, a causa del mancato rinnovo di questa agevolazione al 30 giugno, non saranno rinnovati”. Così il presidente di Confindustria Sicilia Gaetano Vecchio all’indomani dell’annuncio che spegne le speranze sulla proroga della decontribuzione Sud.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.