Condividi

Ambiente: 800mila euro per rilevare “molestie olfattive” tra Messina e Gela

mercoledì 7 Dicembre 2016

Milazzo, Priolo e Gela sono forse a rischio ambientale, a vigilare sulla situazione lo sguardo dell’assessorato regionale al Territorio e Ambiente e dell’Arpa: sul tavolo c’è infatti un progetto da 800mila euro, recuperati da fondi nazionali, che serve a rilevare molestie olfattive e problemi di odori che potrebbero essere già un primo sintomo di superamento dei valori sopra soglia nelle aree ad elevato rischio di crisi ambientale.

Si tratta di un software che acquisisce le chiamate provenienti dalle diverse singole zone e calcola segnalazioni e intervallo ravvicinato di tempo grazie a un algoritmo. Lo registrerà attivando dei sistemi di campionamento dislocati sul territorio e mandando poi il messaggio agli operatori dell’Arpa sui territori, il campione verrà poi mandato al laboratorio dell’Università degli studi di Catania. Lì sarà sottoposto a un’analisi olfatto metrica: attraverso una serie di diluzioni successivi del campione si procederà alla percezione olfattiva definita. “Gli indici olfattometrici sono sempre indicatori della presenza nell’atmosfera di specifiche sostanze tra le quali ad esempio l’idrogeno solforato o altre che possono essere la prima spia di presenze tossiche – sottolinea l’ingegnere che cura il progetto Salvatore Caldarala percezione frequente di una cattiva qualità dell’aria dell’ambiente può essere associata in prossimità di discariche, impianti di depurazione, di stoccaggio di materiali organici o impianti di compostaggio“.

A portare avanti il progetto sono l’assessorato regionale al Territorio ed ambiente, guidato da Maurizio Croce e l’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. Il monitoraggio nei territori citati da parte dell’Arpa assume quindi una connotazione preventiva ancora più specifica e punta a ridurre lo scarto tra l’impatto de problema, l’analisi e la soluzione.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.