Condividi

Anziano ucciso nell’Agrigentino, fermata una badante rumena

venerdì 20 Novembre 2020
rete antiviolenza
FOTO ARCHIVIO

Un fermo per l’omicidio i Michelangelo Marchese, 89enne di Palma di Montechiaro, ucciso l’11 Luglio 2020 nel corso di una rapina presso la sua abitazione.

I carabinieri hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto firmato dal procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio e dal pm Chiara Bisso nei confronti di una rumena di 26 anni.

Secondo la ricostruzione investigativa la donna era, dal giorno precedente, la badante dell’anziano e prima di ucciderlo lo ha rapinato, prendendogli anche a macchina. La svolta alle indagini è avvenuta pochi giorni fa con il ritrovamento del veicolo appartenuto alla vittima. L’autovettura era in possesso di un pregiudicato di Canicattì il quale, interrogato dagli inquirenti, ha rivelato che la donna, dopo l’omicidio, lo avrebbe contattato per consegnargli il mezzo chiedendogli di portarlo a un autodemolitore. Ma l’uomo si è tenuto l’auto.

I carabinieri dicono che “l’autopsia ha stabilito che l’anziano è stato soffocato”. Ieri mattina dal carcere di Catania piazza Lanza, dove si trovava poiché non aveva rispettato le prescrizioni imposte dall’obbligo di dimora cui era precedentemente sottoposta, la donna è stata accompagnata a Licata per la notifica di un provvedimento di espulsione ed in contemporanea i carabinieri le hanno mostrato il fermo di indiziato di delitto alla presenza del suo avvocato. L’anziano venne trovato legato con le mani dietro la schiena in casa.

L’autore, dopo aver messo l’abitazione a soqquadro, era fuggito portando via l’autovettura dell’uomo. Le prime testimonianze raccolte parlavano di una donna di corporatura esile e dai capelli mori che negli ultimi giorni frequentava la casa dell’anziano. questo indizio, unito alle impronte digitali, rinvenute su parte del mobilio ed esaminate dal Ris di Messina hanno fatto scattare le manette per l’indagata.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Influenza, Covid e nuovi virus: a Bar Sicilia tutti i consigli dei professori Corrao e Vitale CLICCA PER IL VIDEO

Tra i professori inseriti nella World’s Top 2% Scientist, la graduatoria planetaria delle scienziate e degli scienziati con livello più elevato di produttività elaborata dalla Stanford University, ci sono anche Salvatore Corrao, Professore di Medicina Interna dell’Università di Palermo e Capo Dipartimento di Medicina Clinica dell’Arnas-Civico di Palermo e Francesco Vitale, Professore ordinario di Igiene…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.