Condividi

Arte: a Bagheria la “nuova scultura” di Luigi Mainolfi | FOTO

mercoledì 23 Ottobre 2019
Mainolfi

Guarda le foto in alto 

Alla Galleria Adalberto Catanzaro di Bagheria (Via Monaco I, 3/B) verrà inaugurata, sabato 26 ottobre alle ore 18.30, la mostra “Il colore della scultura la forma della pittura 3” di Luigi Mainolfi.

Il percorso artistico di Mainolfi si colloca nell’ambito della Nuova Scultura, ed è partendo da una sorta di rifondazione di questa che recupera la dimensione artigianale e manuale del suo lavoro, come l’uso della terra e dei materiali classici della scultura, quali bronzo, marmo e legno.

Mainolfi con la Sicilia ha un forte legame, terra che gode delle “tracce creative” dell’artista come un’istallazione di opere a parete di grandi dimensioni, multicolori in terracotta, che formano un unicum per raccontare l’infinito con elementi dove il colore e l’impasto materico sono diluiti e mescolati e l’orizzonte scultoreo risulta appiattito, andando a sfumare i contorni della pittura e della scultura.

Oltre ai pannelli di terracotta anche un’opera composta da nove tele, supporti che Mainolfi utilizza per accogliere la terra.

Si tratta di lavori dal titolo Polveri (2015), nei quali la polvere trova la sua dimora diventando segno, volume, superficie vibrante che si espande in movimenti e battiti.

I lavori di Luigi Mainolfi – scrive Fabio Cavaluccisembrano gareggiare con la natura nell’accumulare particelle, segni, elementi di base da cui prende forma un’ampia varietà di manufatti. È un po’ come se, partendo dai materiali stessi, dalla loro intrinseca capacità di espandersi, di reagire chimicamente, l’artista li spingesse a proliferare come esseri viventi. Mainolfi ha osservato gli squarci di luce tra le piante del bosco, le sporgenze delle rocce, le spugne dei fondi marini, i muschi delle grotte, ha ascoltato i suoni e i rumori delle pietre e dei legni, e, tra le pieghe della realtà, ha visto esseri fantastici. La natura che l’artista crea si mostra affascinante, immensa, potente, da cui egli trae, di volta in volta, dei frammenti”.

Nella sua ricerca, Mainolfi ha progressivamente posto l’accento sull’impatto fisico e concettuale di una scultura che si fa simbolo di rinascita di una civiltà fondata sulla natura, sul vivente, sul mistero.

L’esposizione, che gode del patrocinio dell’Assemblea Regionale Siciliana, rimarrà aperta al pubblico fino al 31 gennaio 2020 (dal martedì al sabato 16.00/20.00).

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.