Condividi

Asu, Ale Ugl Sicilia: “C’è chi vuole lasciare alcuni lavoratori nella precarietà”

martedì 11 Dicembre 2018
precari sicilia

Ha suscitato l’ira dell’Ale Ugl Sicilia l’iniziativa di una sigla sindacale che rappresenta i lavoratori Asu siciliani. “C’è  un’organizzazione che continua imperterrita a voler rompere il fronte sindacale –  hanno scritto i coordinatori regionali Vito Sardo e Mario Mingrino in una nota infuocata – cercando di lasciare nel baratro della precarietà tutti coloro che sono in enti in dissesto, in pre-dissesto e nel privato sociale, non ospitati in enti regionali previa convenzione: praticamente quasi 5.000 lavoratori. Un comportamento davvero scorretto ed insopportabile”.

Già durante il confronto presso l’Assessorato regionale alla famiglia e al lavoro, sulle proposte di legge per la definizione di un testo condiviso da presentare all’Ars, si erano verificate delle contrapposizioni. Adesso la differenza di vedute è deflagrata.

Per Sardo e Mingrino l’organizzazione incriminata farebbe figli e figliastri. “Proprio in questi giorni – aggiungono – i rappresentanti di questa organizzazione stanno proponendo ad alcuni lavoratori, previa iscrizione alla loro organizzazione, la compilazione e l’invio di una domanda di mobilità presso la Resais, società partecipata dalla Regione, finalizzata alla stabilizzazione di questo personale, sostenendo che tale possibilità, nascerebbe da ‘alcuni colloqui avuti a Palermo’”.

Un particolare quest’ultimo sul quale i due sindacalisti vogliono vederci chiaro. “A questo punto – concludono – riteniamo doveroso che l’Assessorato regionale alla famiglia e al lavoro, l’istituzione principale da cui dipende la vertenza, confermi o smentisca le notizie sopra citate e senza ulteriore indugio avvii i procedimenti di propria competenza, come previsto dalla legge vigente, per avviare le definitive procedure di stabilizzazione”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, Settecannoli e riqualificazione della Costa Sud: tra speranze, progetti, degrado e impegno civico CLICCA PER IL VIDEO

Nuova tappa del viaggio de ilSicilia.it tra i quartieri di Palermo alla rubrica “La città chiama…”. Questa volta è il turno di Settecannoli, nella seconda circoscrizione, in cui ricade il lungomare della Costa Sud di Palermo. L’intervista a Sergio Oliva.

BarSicilia

Bar Sicilia, Cracolici: “La mafia ha scelto forme diverse per infiltrarsi nei territori”

Nel nome di Falcone, di Borsellino e dei simboli dell’Antimafia che hanno saputo essere esempio e testimonianza, Cracolici riassume l’attività svolta dal suo insediamento alla guida della commissione sino a oggi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.