Condividi
Inchiesta "Alcatraz"

Augusta (SR), droga e telefonini in carcere: 11 indagati

giovedì 11 Maggio 2023

Un traffico organizzato di sostanze stupefacenti con spaccio di droga nel carcere di Augusta, nel Siracusano, è al centro di un’operazione di Guardia di Finanza e Polizia penitenziaria che stanno eseguendo un’ordinanza cautelare personale nei confronti di undici indagati.

Portati dentro da detenuti al rientro da permessi premio o nascosti da visitatori in involucri di patatine, pannolini per bambini, succhi di frutta poi cestinati in appositi contenitori dei rifiuti da dove venivano successivamente ‘recuperati’. Entravano così droga e telefonini nel carcere di Augusta, nel Siracusano, secondo l’inchiesta ‘Alcatraz’ della Dda della Procura di Catania che ritiene di avere sgominato un’organizzazione dedita al traffico di hashish nell’istituto penitenziario con l’arresto di undici persone. Nei confronti degli indagati il gip ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per nove di loro e agli arresti domiciliari per altri due. Il provvedimento restrittivo è stato eseguito da Guardia di finanza e Polizia penitenziaria in Sicilia, Calabria e Friuli Venezia Giulia. L’indagine, coordinata dalla Dda etnea e condotta dal Gico del nucleo di Polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Catania e dal nucleo Investigativo regionale di Palermo della Polizia penitenziaria, è stata avviata dopo le dichiarazioni di alcuni detenuti nel carcere di Augusta. Gli accertamenti avviati, che si sono avvalsi di attività tecniche e servizi di pedinamento, osservazione e controllo, hanno consentito di individuare risalire all’organizzazione che gestiva il traffico di droga, portandola e spacciandola in prigione. Secondo la tesi della Procura di Catania, “il sodalizio sarebbe stato promosso, organizzato e coordinato dai detenuti Andrea Marino e Ignazio Ferrante”. Il primo, sostiene l’accusa, “avrebbe impartito dal carcere direttive” a dei complici liberi su “quantitativi, tipologia, prezzi e modalità di pagamento della droga, coordinando le successive fasi di introduzione clandestina e cessione ad altri detenuti“. Il secondo, invece, “avrebbe curato l’approvvigionamento, il confezionamento, il trasporto e l’ingresso dello stupefacente” in carcere grazie alla collaborazione di altri sei complici. A recuperare la droga e i telefonini dai rifiuti in carcere era Ignazio Ferrante, grazie alla sua mansione di addetto alle pulizie, consegnando l’hashish a Marino e Misia.

La sostanza stupefacente fatta entrare illegalmente nel carcere di Augusta, nel Siracusano, avrebbe alimentato un mercato interno a favore di ‘clienti-detenuti’ interessati all’acquisto, con tanto di tariffario completo e aggiornato che variava a seconda della qualità della droga e del grado di conoscenza dell’acquirente. E’ quanto emerge dall’inchiesta ‘Alcatraz della Dda della Procura di Catania che ha portato all’arresto di undici persone, due delle quali poste ai domiciliari. Il provvedimento restrittivo è stato eseguito da Guardia di finanza e Polizia penitenziaria. Dalle indagini è emerso che di norma il prezzo di un panetto di hashish si sarebbe aggirato intorno a 1.500-2.000 euro. Il pagamento sarebbe stato assicurato attraverso accreditamenti su diverse carte Postepay nella disponibilità di complici in stato di libertà: Clotilde Maranzano, Valentina Romito, rispettivamente madre e compagna di Ignazio Ferrante, e Angela Palazzotto, compagna di Andrea Marino. I due uomini, detenuti, sono accusati di essere i promotori e l’organizzatori del traffico di droga. Le tre donne, invece, sono accusate di essere le addette alla gestione della cassa e alla tenuta della contabilità del denaro. La diversificazione delle carte da ricaricare a titolo di pagamento, ricostruisce la Dda di Catania, sarebbe stata finalizzata anche a evitare incongruenze tra l’esiguo Isee dichiarato e il giro di denaro gestito visto che alcuni degli indagati erano anche percettori del reddito di cittadinanza. Durante le indagini sono state arrestate in flagranza di reato tre persone per spaccio di sostanze stupefacenti e sono stati sequestrati, in più momenti, 15 panetti di hashish e diversi telefonini cellulari. Sono state inoltre individuate specifiche responsabilità a carico di altri indagati che avrebbero, a vario titolo, preso parte all’attività illegale.

L’attività criminosa sarebbe stata resa possibile dall’utilizzo di telefoni cellulari illegalmente introdotti, dotati di sim intestate a soggetti inesistenti, i quali costituivano lo strumento fondamentale per le quotidiane comunicazioni con l’esterno“. Lo scrive la Dda della Procura di Catania su un traffico di hashish nel carcere di Augusta, nel Siracusano, sgominato con l’operazione ‘Alcatraz’ di Guardia di finanza e Polizia penitenziaria che hanno eseguito undici arresti. Nei confronti di nove indagati il gip ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Sono: Ignazio Ferrante, di 39 anni, Michele Ferrante, di 60, Andrea Marino, di 46, Domenico Misia, di 36, Giuseppe Misia, di 25, Angela Palazzotto, di 48, Valetina Romito, di 32, Andrea Scafidi, di 32, e Carmelo Valentino, di 52. Il provvedimento restrittivo dispone gli arresti domiciliari per due indagati: Giuseppe Arduo, di 26 anni, e Clotilde Maranzano, di 61.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.