Condividi

Banche, Ugl Sicilia: “Globalizzazione selvaggia del settore, numero filiali in calo”

venerdì 7 Giugno 2019

Dalla fine del 2017 a quella del 2018, il numero delle filiali di banche italiane sparse su tutto il territorio nazionale è diminuito del 7%: le sedi sono passate da quota 27.374 a quota 25.454.

“Sono dati sconfortanti  –  dichiara il segretario Regionale dell’Ugl Sicilia, Giuseppe Messinastiamo assistendo ad un progressivo abbandono dei territori, dei piccoli centri urbani, una desertificazione perpetrata costantemente malgrado le dichiarazioni da parte di alcuni gruppi bancari di radicamento nel territorio siciliano in evidente  contrasto con le reali intenzioni,  abbattere i costi, la digitalizzazione dei servizi deve rappresentare un valore aggiunto e non una penalizzazione ”.

FOTO BANCHE“Anche nel settore bancario assistiamo ad una globalizzazione selvaggia generata da continui piani industriali spesso fallimentari, sostituiti in corso d’opera, in taluni casi anche prima della loro naturale scadenza in quanto fallimentari, gli stessi  se possono andare bene per il Nord non possono andare bene per il Sud del nostro Paese, e della  Sicilia in particolare,  per fattori culturali e di sistema economico radicalmente diversi e collegati alle esigenze della piccola e media impresa, dei commerciati  in particolare,  in un contesto  sociale ben diverso costituito anche da tanti risparmiatori,  rispetto a quello prettamente  industriale del Settentrione”.

“Il calo della popolazione bancaria da 310mila nel 2015 ad oggi al di sotto della soglia dei 300mila,  l’introduzione di macchinari intelligenti come gli sportelli automatici  (ATM) in sostituzione dei cassieri ma che necessitano comunque del fattore umano per farli funzionare, la firma di alcuni accordi di secondo livello con importanti gruppi bancari in deroga al contratto nazionale, o certe sperimentazioni operative in aperta violazione dei ruoli e delle mansioni previste e normate dal CCNL a tutela dei lavoratori,  – conclude Messina – sono tutti elementi che costituiscono una seria minaccia ed un tentativo gravissimo da parte dei banchieri di introdurre il contratto ibrido, pericolosa minaccia in vista del rinnovo del contratto nazionale di categoria già scaduto a dicembre 2018, il quale a nostro avviso  dovrà mantenere assolutamente la sua originaria natura”. 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.