Condividi

Blitz antimafia a Palermo, soldi e armi nella macchinetta del caffè | VIDEO

martedì 20 Luglio 2021

Polizia e carabinieri hanno individuato capi e gregari delle famiglie mafiose di Roccella e Brancaccio, quartieri della zona orientale di Palermo, ricostruendo oltre cinquanta estorsioni ai danni di imprenditori e commercianti. Gli indagati sono accusati di associazione mafiosa ed estorsione aggravata dal metodo mafioso. Le operazioni, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo, sono denominate ‘Stirpe’ (carabinieri) e ‘Tentacoli’ (polizia), e giungono al termine di due anni di indagini sulla scia dei blitz precedenti ‘Maredolce 1’, ‘Maredolce 2’ e ‘Sperone’, concluse tra il 2017 e il 2019.

La polizia ha fermato 13 persone: Giovanni Di Lisciandro, di 70 anni; Stefano Nolano, 42; Angelo Vitrano, 63; Maurizio Di Fede, 52; Gaspare Sanseverino, 48; Girolamo Celesia, 52; Sebastiano Caccamo, 66; Giuseppe Ciresi, 32; Onofrio Claudio Palma, 42; Rosario Montalbano, 35; Filippo Marcello Tutino, 60; Salvatore Gucciardi, 41; Giuseppe Caserta, 45. I 13 sono coinvolti nel troncone dell’inchiesta che riguarda le famiglie mafiose di Roccella e Brancaccio, che secondo gli investigatori sarebbero guidate rispettivamente da Giovanni Di Lisciandro e Stefano Nolano.

I carabinieri si sono concentrati sul mandamento di Ciaculli-Brancaccio, fermando il 63enne Giuseppe Greco, il 71enne Ignazio Ingrassia e il 58enne Giuseppe Giuliano. Giuseppe Greco sarebbe il reggente del mandamento.

Di Lisciandro e Nolano avrebbero “gestito la rete relazionale mafiosa” della famiglia di Roccella, fissando incontri e “gestendo” i proventi delle estorsioni e del traffico di droga “con particolare attenzione – dice la polizia – al mantenimento dei familiari dei detenuti“.

A Vitrano, invece, sarebbero stati affidati compiti di raccordo con gli elementi di spicco della famiglia di Ciaculli e di coordinamento del lavoro di Di Fede. Quest’ultimo, secondo gli investigatori, sarebbe “la mente operativa” della famiglia mafiosa, “con compiti di promozione e organizzazione delle estorsioni e del traffico di stupefacenti“.

Montalbano, Gucciardi, Palma e Ciresi sarebbero stati i soldati pronti a raccogliere il pizzo a Roccella e a individuare le nuove attività da taglieggiare: “A questi ultimi bastava avvicinarsi ai commercianti, senza necessità di minacce esplicite, per ottenere quanto preteso“, dicono gli investigatori.

Il gruppo aveva a disposizione anche armi perfettamente funzionanti e pronte all’uso.

Per la famiglia di Brancaccio spiccano i nomi di Celesia e Tutino: il primo avrebbe partecipato a riunioni ai massimi livelli del mandamento mafioso, anche con i Greco di Ciaculli, e coordinato le attività criminali del clan. Tra gli esattori della famiglia di Brancaccio ci sarebbe Gaspare Sanseverino, che secondo gli investigatori sarebbe stato “punto di riferimento” di Celesia e della famiglia per le estorsioni “e per una vera e propria mappatura delle attività commerciali sul territorio“.

Caserta, infine, scarcerato poco peno di due mesi fa, secondo gli investigatori “si è subito proposto agli attuali vertici di Brancaccio mettendosi a disposizione e rivendicando un ruolo in seno alla compagine mafiosa“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, Settecannoli e riqualificazione della Costa Sud: tra speranze, progetti, degrado e impegno civico CLICCA PER IL VIDEO

Nuova tappa del viaggio de ilSicilia.it tra i quartieri di Palermo alla rubrica “La città chiama…”. Questa volta è il turno di Settecannoli, nella seconda circoscrizione, in cui ricade il lungomare della Costa Sud di Palermo. L’intervista a Sergio Oliva.

BarSicilia

Bar Sicilia, Cracolici: “La mafia ha scelto forme diverse per infiltrarsi nei territori”

Nel nome di Falcone, di Borsellino e dei simboli dell’Antimafia che hanno saputo essere esempio e testimonianza, Cracolici riassume l’attività svolta dal suo insediamento alla guida della commissione sino a oggi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.