Condividi

Bolognetta Lercara: i lavoratori chiedono garanzie. A rischio 170 posti | Video

giovedì 13 Dicembre 2018

Lo stato di crisi in cui versa la Cmc, società di costruzioni che in Sicilia è impegnata in diversi cantieri, rischia di far perdere il posto di lavoro a centinaia di persone, mentre alcune delle opere fondamentali per la viabilità siciliana potrebbero trasformarsi in eterne incompiute. Per questo oggi una folta rappresentanza dei 130 lavoratori della Bolognetta Scpa, società partecipata all’80% da Cmc, si è riunita in presidio nei pressi dello svincolo di Villafrati, col sostegno di Feneal, Filca e Fillea, per chiedere garanzie. Dal 17 dicembre, infatti, potrebbero rimanere a casa.

Al presidio hanno aderito anche gli operai dell’indotto, mentre è prevista la partecipazione di diversi sindaci del comprensorio, a partire dai primi cittadini di Campofelice di Fitalia, Villafrati e Alia, nonchè di un comitato civico di cittadini dei comuni del territorio, costituito per sollecitare l’ammodernamento della strada e mettere fine ai disagi alla circolazione determinati dal ritardo dei lavori.

“Siamo  convinti che la Bolognetta Scpa sia in bonis e nelle condizioni di operare, non essendo incagliata nella procedura di concordato preventivo per la ristrutturazione del debito aperta dall’azienda  – dichiarano i segretari provinciali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil Ignazio Baudo, Filippo Ancona e Francesco Piastra. Chiediamo alla prefettura di attivare un tavolo con i commissari della Cmc, con Anas e con il presidente del consiglio di amministrazione della Bolognetta Scpa”. 

A partire dal 17 dicembre l’azienda ha annunciato la volontà di sospendere i 130 dipendenti, mettendoli in ferie obbligate. I sindacati degli edili si sono opposti. “I lavoratori non hanno più ferie da smaltire. Si tratterebbe di una sospensione al buio, senza la certezza di tornare al lavoro – aggiungono Baudo, Ancona e Piastra – Questo cantiere ha ancora autonomia: l’Anas ha da poco contrattualizzato la perizia di variante da 60 milioni di euro, che si aggiungono ai 40 milioni di lavori residui già finanziati. I lavoratori possono essere tutelati con il ricorso agli ammortizzatori sociali, dal momento che per le opere oggetto della variante è pendente un nulla osta del Ministero dell’ambiente”.

“Bisogna trovare una soluzione per dare continuità al cantiere e per recuperare anche i lavoratori delle aziende affidatarie. La piena attività può garantire un’occupazione a circa 400 lavoratori”, concludono i sindacati secondo i quali è necessario l’intervento del governo nazionale con l’istituzione di un tavolo presso il ministero dello Sviluppo economico e il ministero delle Infrastrutture.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

Bar Sicilia, Elena Pagana: “Parco dell’Etna e riserve, ecco cosa stiamo facendo per l’ambiente” CLICCA PER IL VIDEO

Dalle politiche per la fruizione dei parchi alle attività dell’Arpa fino alla pianificazione, ospite di Bar Sicilia è l’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente Elena Pagana

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.