Condividi

Reset, accordo sull’aumento delle ore lavorative. Full time entro il 2018

giovedì 16 Novembre 2017
reset

Raggiunto la notte scorsa l’accordo tra le organizzazioni sindacali e l’amministrazione comunale di Palermo per l’aumento delle ore di lavoro ai dipendenti della Reset, la società partecipata che si occupa dei servizi territoriali ed in particolare della manutenzione del verde e delle spiagge. E’ stato concordato uno stanziamento per il 2017 di 38 milioni e per il 2018 e il 2019 di 40. Con queste risorse potrà essere finanziato un percorso graduale che porterà i contratti sin da subito a 34 ore, a 36 ore entro aprile 2018 e infine al contratto full time.

“Un traguardo – dice Marianna Flauto, segretario generale della Uiltucs Sicilia che potrà essere raggiunto anche grazie a prepensionamenti e mobilità interaziendale che nel frattempo scatteranno. Adesso il passo successivo è mantenere gli impegni assunti ieri traducendoli in fatti concreti”.

L’intesa arriva dopo una lunga vertenza scandita da una serie di agitazioni sindacali e scioperi sedati dall’apertura al dialogo fatta dall’amministrazione che aveva invitato le sigle a discutere insieme. Per Monja Caiolo, segretario della Filcams Cgil Palermo, “gli impegni economici assunti dal sindaco con il verbale di accordo sottoscritto ci tranquillizzano rispetto la stabilità dei livelli occupazionali e delle posizioni sin qui raggiunte, con grandi sacrifici da parte dei lavoratori. Il prossimo aumento a 36 ore strutturali è un ulteriore passo in avanti verso il ripristino delle condizioni anti cassa integrazione con Gesip”.

La trattativa tuttavia non è conclusa, perchè è stato posticipato a dicembre prossimo il confronto per la definizione di altri importanti punti che riguardano i termini del rinnovo del contratto, come la fruizione di festività, ferie, il riconoscimento di misure di welfare aziendale come buoni pasto e carta spesa. “Adesso – continua spiega Caiolo – serve, al più presto, un accordo di secondo livello che fissi non solo la data certa dell’incremento orario, comunque previsto entro il primo trimestre 2018, ma che entri nel merito dell’organizzazione del lavoro e dell’organigramma di Reset, facendo chiarezza su livelli di inquadramento e mansioni svolte, prevedendo, infine, anche elementi integrativi il Ccnl, come l’erogazione di buoni pasto e welfare aziendale”.

Per Mimma Calabrò, segretario generale Fisascat Cisl Sicilia si tratta di un “punto di svolta”. Calabrò esprime “soddisfazione per il risultato raggiunto. Riteniamo di essere riusciti a dare concretezza a quelle che sembrano essere vane promesse. Riconoscimento di misure di welfare aziendale, tra cui buoni pasto e carta aziendale di spesa, sono alcune delle condizioni di miglior favore che saranno declinate nell’accordo di secondo livello il cui incontro è già previsto entro il 15 di dicembre. Un plauso a quei lavoratori che hanno compreso, in momenti anche di forti criticità, quali potessero gli obiettivi raggiungibili non lasciandosi incantare da improbabili traguardi millantati dalle sirene”.

“Sin da subito però – conclude la sindacalista – bisogna rimettersi a lavoro e, col senso di responsabilità che ha contraddistinto le parti la scorsa notte, cercare di raggiungere gli obiettivi prefissati, facendo sì che Reset divenga sempre più fiore all’occhiello delle partecipate comunali e non la cenerentola di turno. Le potenzialità ci sono e devono espresse affinchè in una progettualità di più ampio respiro Reset possa, in un futuro prossimo, essere trasformata in holding“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.