Condividi

Boris Giuliano: 43 anni fa l’omicidio del capo della Squadra Mobile di Palermo

giovedì 21 Luglio 2022

Sono passati 43 anni da quel 21 luglio 1979 in cui veniva ucciso a Palermo Boris Giuliano. Il capo della Squadra Mobile di Palermo veniva colpito alle spalle da 7 colpi di pistola sparati dal mafioso Leoluca Bagarella.  A ricordarlo è la Polizia di Stato che aggiunge: “Giuliano fu tra i primi a indagare sui legami tra la mafia siciliana e quella americana e a intuire l’importanza di aggredire i patrimoni per togliere linfa vitale all’organizzazione mafiosa. Fine investigatore ma anche uomo e poliziotto dal cuore grande, ancora oggi d’esempio per chi opera in prima linea nel contrasto alla criminalità organizzata“.

Questa mattina, in via Francesco Paolo Di Blasi, si è svolta la commemorazione a Palermo. Presenti il vice sindaco Carolina Varchi, che ha partecipato in rappresentanza dell’Amministrazione comunale, il questore Leopoldo Laricchia, il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè, l’assessore regionale ai Beni culturali Alberto Samonà, il prefetto di Palermo Giuseppe Forlani, insieme alle più alte cariche civili e militari della Città, erano presenti anche i familiari di Giuliano.

Nonostante siano passati 43 anni dal giorno del barbaro omicidio, il nome del Commissario Boris Giuliano, ucciso da vile mano mafiosa, è impresso nella memoria dei siciliani come fulgido esempio di onestà, correttezza, alto senso delle istituzioni. Onorarne oggi la memoria significa dire forte alla mafia che la Sicilia non si piega alle logiche criminali e non abbassa la testa, che la tensione morale e l’impegno per affermare lo stato di diritto vivono nei siciliani onesti. Boris Giuliano va iscritto tra i grandi siciliani che hanno onorato la nostra Terra e il suo tributo di sangue è quello di un eroe dei nostri giorni che testimonia, con il suo triste esempio, l’alto prezzo in termini di vite umane che la Sicilia ha pagato nella lotta alla mafia. Che il suo vivido ricordo possa essere d’esempio ai giovani a cercare sempre verità e giustizia senza scorciatoie. A Selima Giorgia Giuliano e alla famiglia la nostra gratitudine per la testimonianza portata avanti con la loro vita“,  ha detto questa mattina l’assessore regionale dei beni culturali e dell’Identità siciliana Alberto Samoná

Boris Giuliano – ha detto il vice sindaco durante la manifestazione – fu un investigatore acuto che con i suoi metodi innovativi seppe imprimere svolte importanti a indagini che hanno consentito di assestare un duro colpo alla criminalità organizzata. Per noi è un dovere ricordarlo e fare tesoro del suo operato. Il Comune di Palermo si batterà per affermare la legalità in ogni segmento della pubblica amministrazione”.

LAGALLA

“La morte di Boris Giuliano non è stata vana. A quarantatré anni dall’agguato per mano mafiosa occorre ricordare l’eredità lasciata dal capo della Squadra mobile di Palermo, il quale, con grande fiuto investigativo, ha introdotto importanti innovazioni nei metodi di indagine sul contrasto alla criminalità organizzata. Per questo oggi ricordiamo un grande esempio di servitore dello Stato, tra i primi investigatori a portare avanti una dura lotta a Cosa nostra”, ha dichiarato il sindaco Roberto Lagalla.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, parla il Prefetto Cucinotta: “Tuteleremo fondi Pnrr da infiltrazioni mafiose. E’ un problema nostro” CLICCA PER IL VIDEO

Il Prefetto di Palermo Maria Teresa Cucinotta intervistata a margine dell’iniziativa “Giornata della Trasparenza”, organizzata dall’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale, ha fatto il punto sugli strumenti a disposizione della Giustizia per evitare il rischio di infiltrazioni mafiose sui fondi Pnrr e sulle grandi opere pubbliche

BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.