Condividi

Braccio di ferro da 10 mln con Poste Italiane: De Luca annuncia “una rapina”

martedì 13 Ottobre 2020

Nuova protesta plateale del sindaco di Messina, Cateno De Luca, che annuncia provocatoriamente quella che definisce “una rapina presso la sede provinciale di Poste Italiane“. “In violazione di legge tengono bloccati 10 milioni dei contribuenti, sono costretto a riprendermeli così”, fa sapere il primo cittadino che così sfida Poste Italiane.

“Domani (mercoledì) – comunica De Luca – alle ore 11:00 il sindaco di Messina ed il presidente di AMAM, Salvo Puccio, organizzeranno una rapina presso l’ufficio postale di Piazza Antonello/Corso Cavour. La “rapina” sarà anticipata da una conferenza stampa”.

“Considerato che Poste Italiane continua a tenere bloccati oltre 10 milioni di euro dell’azienda Amam – dichiara De Luca – in violazione di legge e disattendendo due apposite ordinanze del giudice, mi vedo costretto a riprendermi con la forza i soldi versati dai messinesi per il sevizio idrico. Il rischio è l’interruzione del servizio idrico a danno dei contribuenti che hanno regolarmente versato a Poste Italiane quanto dovuto per il consumo dell’acqua. Siamo dinanzi all’ennesimo atteggiamento delinquenziale di un colosso di Stato, creato con i risparmi degli italiani ma ormai dedito a fare profitto e strozzinaggio sociale sulla pelle dell’utenza”.

“Non ci sto a queste angherie – conclude il primo cittadino – per tale motivo domani mi presenterò negli uffici provinciali di Poste Italiane, insieme al presidente Salvo Puccio. Specie in un periodo di crisi economica a causa dell’emergenza sanitaria in atto, non possiamo permetterci di lasciare 10 milioni di euro parcheggiati a scapito della cittadinanza. Non lascerò l’ufficio postale fino a quando non ci ridaranno i solidi dell’Amam”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Di Sarcina e la rivoluzione dei porti del mare di Sicilia Orientale CLICCA PER IL VIDEO

Dal Prg del porto di Catania ai containers ad Augusta, passando per lo sviluppo di Pozzallo e l’ingresso di Siracusa nell’AP, il presidente Di Sarcina spiega obiettivi e progetti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.