Condividi

Caldo: gli animali mutano forma per sopravvivere e sentire fresco

domenica 26 Settembre 2021

Alcuni animali, in risposta ai cambiamenti climatici, stanno cambiando forma.

Le specie a sangue caldo si stanno evolvendo per avere becchi, zampe e orecchie più grandi per regolare la temperatura corporea mentre il pianeta si riscalda e a dirlo è Sara Ryding in uno studio.

“Molte volte quando si discute del cambiamento climatico, le persone si chiedono ‘possono gli esseri umani superarlo?’ o ‘quale tecnologia può risolverlo? ‘- afferma la scienziata della Deakin University-. È giunto il momento di riconoscere che anche gli animali devono adattarsi a questi cambiamenti”.

Infatti, se gli animali non riescono a controllare la loro temperatura corporea, possono surriscaldarsi e morire.

Alcuni animali nei climi più caldi si sono storicamente evoluti per avere becchi o orecchie più grandi per liberarsi più facilmente dal calore.

Un’ala, un orecchio o un becco più grandi rispetto alle dimensioni del corpo offre agli animali più piccoli una superficie maggiore da cui perdere il calore in eccesso.

Diverse specie di pappagalli australiani hanno mostrato un aumento del 4-10% delle dimensioni del becco dal 1871, che è correlato all’aumento delle temperature estive nel corso degli anni“, afferma lo studio.

Gli scienziati dicono che è difficile mettere il clima come l’unica causa del cambiamento di forma, ma che altri esempi di cambiamento di specie mostrano l’effetto del calore, ad esempio i topi si stanno evolvendo per avere code più lunghe e i pipistrelli, nei climi caldi, hanno ali più grandi.

Sebbene gli adattamenti che le specie stanno facendo sono attualmente piccoli, Sara dice che potrebbero essere più pronunciati man mano che il pianeta diventa più caldo.

Lo studio, inoltre, suggerisce che è probabile che il cambiamento di forma continui man mano che il clima diventi sempre più caldo perché le temperature più elevate .

“Cambiare forma non significa che gli animali stiano affrontando il cambiamento climatico e che tutto vada bene”, dice Sara.

“Significa solo che si stanno evolvendo per sopravvivere, ma non siamo sicuri di quali siano le altre conseguenze ecologiche di questi cambiamenti o che tutte le specie siano in grado di cambiare e sopravvivere –  aggiunge la scienziata -. Il cambiamento climatico che abbiamo creato sta accumulando molta pressione su di loro, ma mentre alcune specie si adatteranno, altre no”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.