Condividi

Caos Amap, fogne a mare: indagata l’assessore Prestigiacomo

sabato 5 Giugno 2021
foce fiume jato Balestrate, mare inquinato
Mare inquinato a Balestrate

I carabinieri hanno notificato un’ordinanza di commissariamento nei confronti dell’Amap Spa, la società che gestisce il servizio idrico a Palermo, per il servizio di Ambiente e Depurazione. La misura cautelare è stata disposta dopo un’indagine dei Carabinieri Forestali e di Balestrate sulla gestione tecnico-operativa dei depuratori delle acque reflue urbane di Acqua dei Corsari a Palermo e dei comuni di Balestrate, Carini e Trappeto.

E’ stato nominato quale commissario Luigi Librici, già direttore dell’Arpa Sicilia. Il provvedimento è del gip Piergiorgio Morosini.

La procura aveva chiesto il commissariamento dell’intera gestione della società. Le indagini sono state coordinate dai pubblici ministeri Bruno Brucoli e Andrea Fusco.

INDAGATA L’ASSESSORE PRESTIGIACOMO

Maria PrestigiacomoL’Amap è indagata come persona giuridica assieme a Maria Prestigiacomo (ex presidente e attuale assessore del Comune di Palermo alle Opere pubbliche), Alessandro Di Martino (attuale amministratore unico di Amap), i dipendenti Angelo Siragusa, Adriana Melazzo, Dorotea Vitale.

E’ contestato il reato ambientale per avere provocato l’inquinamento in un’area protetta e cioè quella del golfo di Castellammare. 

FOGNE A MARE

Le parti offese dal punto di vista dell’ambiente sono certamente il Mar Tirreno per quanto riguarda il depuratore di Acqua dei Corsari, il Golfo di Castellammare – che peraltro è anche un’area protetta – per quanto riguarda il depuratore di Balestrate, il torrente Ciachea per quanto riguarda Carini e il fiume Nocella per quanto riguarda Trappeto.

ilSicilia.it aveva documentato tra i primi il disastro ambientale alla foce del Nocella. Cosi come i ritardi per l’adeguamento del depuratore di Acqua dei Corsari.

Fiume Nocella
la Foce del Nocella

DIPENDENTI AMAP IMBARAZZATI

Nell’audizione dei pm alla “Commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali”, la Dott.ssa Marzia Sabella (Procuratore Aggiunto della Repubblica presso il tribunale di Palermo) ha riferito che: «Abbiamo raccolto anche diverse informazioni dei dipendenti dell’AMAP che erano particolarmente imbarazzati, perché si trattava di situazioni di particolare evidenza, quindi innegabili e nonostante l’imbarazzo non hanno potuto essere reticenti (…) Le nostre indagini iniziano alla fine del 2018, quindi almeno dal marzo del 2018 non vi era stato alcun conferimento di fanghi a nessuno.  (…) per il solo impianto di Acqua dei Corsari, l’AMAP ha risparmiato oltre 7 milioni di euro l’anno. Si tratta di cifre particolarmente consistenti».

Il depuratore di Acqua dei Corsari
Il depuratore di Acqua dei Corsari

GELARDA: “ALLONTANARE I RESPONSABILI”

“Il commissariamento dell Amap rappresenta l’ennesima tegola su di una amministrazione che non riesce a controllare neanche le sue partecipate. Il problema è che l’Amap non si occupa solo di Palermo ma anche di parte della provincia. Vogliamo che si faccia chiarezza immediatamente e che i responsabili vengano allontanati da qualsiasi incarico possano in questo momento ricoprire all’interno dell’amministrazione comunale o della partecipata. Considerato anche che c’è un conflitto di interessi fra il ruolo di controllore e di controllato in capo all’assessore al ramo”. Lo ha dichiarato Igor Gelarda, capogruppo Lega a Palazzo delle Aquile.

ARGIROFFI: “FANGHI E PERCOLATO IN MARE”

Duro l’affondo della consigliera comunale Giulia Argiroffi (gruppo Oso) che attacca la Giunta Orlando: «Dove è finito il 95% del fango? In mare. Dove sono finiti percolato e colaticcio di Bellolampo? In mare. Dove sono finiti i 7 milioni di euro risparmiati?»

Forello e Argiroffi
Forello e Argiroffi

FORELLO: “REVOCARE PRESTIGIACOMO O PRESENTIAMO SFIDUCIA”

Gli fa eco il collega del gruppo Oso, Ugo Forello: “Il commissariamento – afferma  – conferma la fondatezza delle gravissime accuse nei confronti dei vertici dell’Amap. Sono emerse molteplici e schiaccianti prove. Uno degli indagati è l’attuale assessore Maria Prestigiacomo, ex presidente Amap, ora competente per i rapporti con la stessa società. È evidente l’incompatibilità e il conflitto di interessi. Il Sindaco revochi l’assessore indagato immediatamente o depositeremo una mozione di sfiducia in Consiglio”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Disastro ambientale nel Palermitano, reflui a mare: l’acqua diventa nera e i pesci muoiono in diretta | VIDEO

Depuratore di Acqua dei Corsari, tutto da rifare: nuovi ritardi a Palermo

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, Settecannoli e riqualificazione della Costa Sud: tra speranze, progetti, degrado e impegno civico CLICCA PER IL VIDEO

Nuova tappa del viaggio de ilSicilia.it tra i quartieri di Palermo alla rubrica “La città chiama…”. Questa volta è il turno di Settecannoli, nella seconda circoscrizione, in cui ricade il lungomare della Costa Sud di Palermo. L’intervista a Sergio Oliva.

BarSicilia

Bar Sicilia, Elena Pagana: “Parco dell’Etna e riserve, ecco cosa stiamo facendo per l’ambiente” CLICCA PER IL VIDEO

Dalle politiche per la fruizione dei parchi alle attività dell’Arpa fino alla pianificazione, ospite di Bar Sicilia è l’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente Elena Pagana

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.