Condividi
LA DENUNCIA ALLA PROCURA

Castelbuono, caro bollette. Il sindaco Cicero: “Se lo Stato non agisce contro le speculazioni consegnerà aziende e famiglie agli usurai”

venerdì 30 Settembre 2022
Mario Cicero – Sindaco di Castelbuono
Mario Cicero – Sindaco di Castelbuono

“Se lo Stato non agirà sugli speculatori, consegnerà aziende e famiglie nelle mani della criminalità organizzata”. È con questa motivazione che il sindaco di Castelbuono, Mario Cicero, ha sporto denuncia alla Procura di Palermo contro l’Autorità garante della concorrenza del mercato (Agcm), l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente (Arera), nonché contro il Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef).

“L’Arera ha annunciato ulteriori rincari a partire da ottobre. Ma già un’azienda che pagava 800-900 euro di luce al mese fino all’anno scorso – dice -, adesso ne paga 3.000-4.000. Chi ne pagava 2.000 oggi è arrivato a ricevere bollette da 18mila euro. Non si può resistere a lungo. Il rischio è di consegnare le imprese a mafia e usurai. Diranno: ‘Non preoccuparti, ti pago io la prima bolletta. Poi, la seconda e anche la terza. Ma alla quarta l’azienda è mia’. Parliamo di decine di migliaia di euro in pochi mesi. E il problema non è solo delle azende, ma anche delle singole famiglie. Per non parlare degli enti locali”.

Nella denuncia, inviata sabato scorso ai carabinieri, il sindaco Cicero ha fatto riferimento ai costi per elettricità e metano lievitati dal 2021 al 2022 anche al Comune: i 418mila euro di luce per i 12 mesi dello scorso anno sono già quasi 405mila per i primi otto mesi del 2022; dai 20mila per il metano si è passati a circa 28mila fino allo scorso agosto.

“Oltre alla denuncia – sottolinea – stiamo valutando altre iniziative. Intanto, la seduta del coniglio del prossimo 5 ottobre sarà interamente dedicata all’argomento. Chiederemo alla magistratura di intervenire sulla situazione, che vede, da un lato, le aziende fornitrici registrare aumenti di fatturato anche del 700 per cento e, dall’altra, il Governo dare un misero contributo di 200 euro alle famiglie o alle piccole imprese e poche decine di migliaia di euro a chi ha visto più che raddoppiati i costi per la fornitura. Sono contributi che non servono a niente. È una riflessione che va fatta sul fallimento della politica: lo Stato dà piccoli contributi, ma non risolve mai il problema a monte”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, assessore Cannella: “La luce e Santa Rosalia protagoniste del Natale 2022” CLICCA PER IL VIDEO

In un’intervista per ilSicilia.it l’assessore alle Politiche culturali del Comune di Palermo, Giampiero Cannella, svela qualche anticipazione sul Natale 2022. E sulla Gam…

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.