Condividi
L'intervento

Catania, aggredisce i familiari per costringerli a consegnargli denaro: arrestato

domenica 30 Giugno 2024

Massima attenzione viene rivolta, da parte del Comando Provinciale Carabinieri di Catania, alle attività di prevenzione e contrasto alla violenza di genere, anche attraverso la rete di monitoraggio composta da militari formati e specializzati sulla delicata materia.

In tale contesto, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Catania hanno arrestato nel quartiere “San Giorgio”, un 38enne pregiudicato del posto, per i reati di maltrattamenti verso familiari e estorsione.

In particolare, era pomeriggio quando la Centrale Operativa di Catania ha ricevuto la richiesta di aiuto da parte di un uomo residente nel quartiere San Giorgio, il quale ha raccontato agli operatori di essere stato appena aggredito dal figlio, sottoposto agli arresti domiciliari, per una rapina, nell’abitazione familiare. Immediato l’invio di una gazzella dell’Arma che, già impiegata in un servizio di pattugliamento proprio in quel quartiere, ha raggiunto in pochi minuti la sua abitazione.

L’equipaggio ha trovato l’uomo in strada, evidentemente agitato e scosso per l’accaduto, che si sbracciava per attirare l’attenzione dei militari e li invitava a seguirlo. I Carabinieri lo hanno rassicurato e seguito in casa dove hanno sorpreso suo figlio 38 enne che stava aggredendo con calci e pugni la madre e la sorella. Alla vista dei militari, il giovane si è allontanato dalle due donne e si è precipitato in cucina, dove ha afferrato un coltello e ha iniziato a minacciare il padre di fargliela pagare per aver chiamato i Carabinieri. Questi ultimi, però, prima che lui potesse avvicinarsi ai parenti, lo hanno bloccato e disarmato, quindi messo in sicurezza. Dopo essersi accertati che i presenti non avessero necessità di cure mediche, i militari hanno portato il 38 enne in caserma, dove sono stati raggiunti dall’intero nucleo familiare che ha sporto denuncia.

Dal racconto dei parenti è emerso che il giovane, tossicodipendente, chiedeva continuamente denaro ai genitori e quel giorno aveva anche tentato di rubare la carta di pagamento della madre che, però, era riuscita a togliergliela di mano.

Avendo, perciò, compreso che quel giorno non avrebbe potuto comprare la droga, l’uomo era andato in escandescenze, rompendo tutto ciò che aveva a portata di mano, fino a scagliarsi su madre e sorella. Solo la telefonata del padre al 112 e l’arrivo della pattuglia hanno messo fine a quei momenti di panico.

L’aggressore è stato arrestato e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, che ne ha convalidato l’arresto e disposto la misura della custodia cautelare nel carcere di Catania Piazza Lanza.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.