Condividi

Catania, il caso del parcheggio Due Obelischi: risarcita moglie dell’ex sindaco Bianco

venerdì 5 Agosto 2022
Manlio Messina

 

Con il pagamento della somma complessiva di 3,4 milioni di euro alla signora Antonietta Zeno, già moglie dell’ex sindaco Bianco, quale risarcimento per l’esproprio dei terreni di sua proprietà dove è sorto il parcheggio Due Obelischi, si è chiusa una delle pagine più oscure del Comune di Catania. Lo dichiara in una nota l’esponente di Fratelli di Italia, Manlio Messina.

Una vicenda cominciata nel giugno del 1989, cioè 33 anni fa, quando l’allora sindaco Enzo Bianco, a capo della Giunta, fece adottare dall’esecutivo di palazzo degli Elefanti il piano parcheggi della città. Uno dei quali individuato proprio in aree di proprietà della futura moglie, in una zona contigua tra il comune di Catania e quello di Sant’Agata Li Battiati. Il provvedimento venne attuato, però, undici anni dopo, cioè subito dopo le dimissioni dello stesso Bianco da primo cittadino, avvenute il 3 gennaio del 2000, dal Commissario Straordinario nel frattempo nominato per reggere temporaneamente l’attività amministrativa del Comune di Catania, mentre Bianco svolgeva l’incarico di Ministro dell’Interno. Iniziative che vincolarono le amministrazioni successive a realizzare proprio in quelle aree di proprietà della Signora Zeno e dei suoi familiari, il grande parcheggio a nord della Città: terreni che si rivelarono una fortuna, considerato che dapprima erano zone di campagne e secondo alcuni da destinare a utilizzi diversi dal parcheggio. Grazie anche a una provvidenziale sentenza della Corte Costituzionale che ne aumentò in maniera spropositata il valore di esproprio e a cui seguì un lunghissimo braccio di ferro giudiziario con l’Amministrazione Comunale, concluso pochi giorni fa con l’emanazione del provvedimento di liquidazione a carico dell’Erario.

Comunque la si giudichi – afferma Messina – è una vicenda da annoverare come un pessimo caso di cattiva amministrazione. E questo, per le criticità connesse alla sua ideazione e per i ritardi nella sua materiale esecuzione, che hanno prodotto un contenzioso infinito e uno strascico di polemiche. Ciò, senza tacere l’assoluta inopportunità, atteso il rapporto tra uno dei proprietari delle aree e chi ha avuto, per tanti anni, la responsabilità di guidare il Comune di Catania“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.