Condividi

Cibo “da sballo”: via libera dal Ministero della Salute alla cannabis a tavola

giovedì 16 Gennaio 2020
canapa food

Via libera alla cannabis a tavola. E’ stato infatti pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero della Salute che fissa i limiti massimi di Thc negli alimenti derivati dalla canapa, chiudendo così una lunga querelle.

E’ l’ultimo tassello che apre definitivamente la strada ad una settore agroalimentare in grande espansione, visto che c’è anche chi la usa per produrre ricotta, tofu, una bevanda vegana, oltre a caramelle e cioccolatini, biscotti e la birra.

E’ dal 2016 che la legge 242 autorizza la coltivazione della cannabis sativa con semi certificati con Thc inferiore allo 0,2% con una tollerabilità allo 0,6% da usare negli alimenti. Ma mancava un regolamento che precisasse il livello massimo tollerato nelle diverse categorie. Da oggi, in particolare, si sa che il limite massimo di Thc per i semi di cannabis sativa, la farina ottenuta da semi e gli integratori contenenti alimenti derivati, è di 2 milligrammi per chilo, mentre per l’olio è di 5 milligrammi per chilo.

Una notizia molto attesa dal mondo agricolo che negli ultimi anni ha investito molto nella coltivazione di questo tipo di pianta.

“L’attesa pubblicazione in Gazzetta fa chiarezza su un settore che negli ultimi anni ha visto un vero e proprio boom”, commenta la Coldiretti, ricordando che i terreni coltivati in Italia “in cinque anni sono aumentati di dieci volte, passando dai 400 ettari del 2013 a quasi 4000 nel 2018″.

canapaPlauso per l’emanazione del decreto anche da parte Cia-Agricoltori Italiani, “anche se – rileva – i limiti proposti restano assai restrittivi per gli agricoltori e vanno alzati di concerto con gli operatori della filiera”.

Per questo motivi Cia si augura l’avvio di un nuovo dibattito con il ministero. “E’ un deciso passo avanti nell’attuazione della legge 242/16”, commenta Confagricoltura, nell’auspicare che si concluda rapidamente anche la discussione a livello europeo per armonizzare le normative dei Paesi con l’indicazione di un valore limite di Thc sia sui derivati della canapa e in particolare per l’olio estratto dai semi, sia per le bevande alcoliche e non alcoliche e per le bevande calde, quali thè, tisane o infusi“.

Bene anche dai deputati del M5S della Commissione Agricoltura alla Camera “soddisfatti per questo importante atto che consentirà di avere come punto di riferimento limiti e criteri ben stabiliti a tutela delle imprese che operano nel settore”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Cannabis terapeutica, in Sicilia il più grande stabilimento d’Italia | VIDEO

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, Settecannoli e riqualificazione della Costa Sud: tra speranze, progetti, degrado e impegno civico CLICCA PER IL VIDEO

Nuova tappa del viaggio de ilSicilia.it tra i quartieri di Palermo alla rubrica “La città chiama…”. Questa volta è il turno di Settecannoli, nella seconda circoscrizione, in cui ricade il lungomare della Costa Sud di Palermo. L’intervista a Sergio Oliva.

BarSicilia

Bar Sicilia, Cracolici: “La mafia ha scelto forme diverse per infiltrarsi nei territori”

Nel nome di Falcone, di Borsellino e dei simboli dell’Antimafia che hanno saputo essere esempio e testimonianza, Cracolici riassume l’attività svolta dal suo insediamento alla guida della commissione sino a oggi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.