Condividi

Coronavirus a Palermo, soccorritore del 118: “Le istituzioni e i cittadini ci aiutino. Siamo in guerra” | VIDEO

venerdì 20 Marzo 2020

Un contagiato di coronavirus tra i dipendenti del 118 non fa arrestare i soccorsi per strada. La paura è tanta ma, a quanto pare, le ambulanze sfrecciano nelle strade della Sicilia grazie alla voglia di tanti uomini che ogni giorno “hanno lo spirito e la voglia di aiutare il prossimo prevalendo al pericolo”.

Carlo Alagna è uno dei tanti autisti-soccorritori del 118. Lui lavora alla Seus dal 1998. Carlo è anche il presidente del comitato provinciale Mud Sicilia.

Racconta a IlSicilia.it la vita e le fatiche che in queste ore sta attraversando chi è schierato in prima linea per cercare di soccombere l’emergenza del covid-19. Carlo lo chiama il “nemico invisibile” e tecnicamente la situazione attuale, senza giri di parole per lui è una: “guerra”.

Noi siamo in prima linea, stiamo lottando contro un nemico invisibile e con tutte queste difficoltà con cui ci ritroviamo a vivere”. Afferma Carlo Alagna. “Abbiamo carenza di dpi (dispositivi di disposizioni individuali) a norma che ci possono proteggere dal covid-19. Purtroppo abbiamo già un collega positivo. Teniamo a far capire all’utente e alle persone che in questo momento siamo sotto una grande pressione. I cittadini ci possono aiutare seguendo le disposizioni del nuovo decreto diramato da Musumeci”.

L’autista del 118 fa un appello ai siciliani ma anche a tutte le istituzioni di ogni livello. “Solo in veri casi di necessità bisogna contattare la centrale unica di emergenza che già sta vivendo gradi difficoltà per i grossi flussi di telefonate. Siamo in guerra ed è una guerra invisibile. Non possiamo rischiare di perdere. Noi siamo abbastanza preoccupati ma non ci fermiamo. Lo spirito e la voglia di aiutare il prossimo prevale il pericolo. Questo pericolo si può ridurre grazie ai dpi. Che non vengano a raccontarci dei vari scontri tra politici europei, scontri titanici tra le multinazionali: all’atto pratico a noi servono le mascherine e i camici. Stop. Cosa che ad oggi se il Prefetto di Palermo si alza e precetta tutti i ferramenta e colori del capoluogo ce li potrebbe fare avere. Questa è la realtà. Se l’Italia è tutta zona rossa le contromisure devono essere idonee. Non possiamo andare in guerra uno con le munizioni e uno con il fucile nella speranza che il compagno con il fucile muore e io uso il suo fucile”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Donna Sarina al Vittorio Emanuele con il commissario Orazio Miloro: “Il Teatro c’è, è l’orgoglio della Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Donna Sarina in trasferta nel più antico teatro dell’isola. Ecco come il Teatro Vittorio Emanuele vive una stagione di rilancio

BarSicilia

Bar Sicilia: “C’era una volta la Dc”, Calogero Mannino ed Elio Sanfilippo riavvolgono il nastro della storia CLICCA PER IL VIDEO

Un’Italia malconcia e acciaccata venne rimessa in piedi a forza di acqua santiere e ricostituenti specifici, mentre pattinando sui dubbi degli italiani la Democrazia cristiana fu capace di dispensare certezze quotidiane, a volte di breve respiro, ma di grande efficacia e di sicuro impatto divulgativo

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.