Condividi

Corruzione, Barbagallo avrebbe fatto pressioni per favorire l’elezione di un deputato regionale

venerdì 23 Febbraio 2018
ars

Il sindaco di Acireale Roberto Barbagallo, per favorire la campagna elettorale del suo referente politico, il deputato regionale Nicola D’Agostino, – che non è indagato – avrebbe spinto due piccoli imprenditori acesi a promettergli il voto con l’ausilio di un luogotenente della Polizia Locale, Nicolò Urso, anch’egli tra gli arrestati.
Il primo cittadino avrebbe dato disposizione ad Urso di avviare controlli amministrativi nei confronti degli imprenditori per indurli ad avvicinarlo per evitare la sanzione.

D’Agostino era candidato per “Sicilia Futura“, la formazione politica guidata dall’ex ministro Totò Cardinale e alleata del Pd di Renzi.

Sono queste le accuse mosse al sindaco di Acireale, arrestato stamane dalla Guardia di Finanza insieme ad altre sette persone per turbata libertà degli incanti e corruzione continuata nell’ambito di un’operazione, denominata ‘Sibilla’, che ha portato alla luce quattro diversi episodi di corruzione e turbativa d’asta nella gestione della cosa pubblica nei comuni di Acireale e Malvagna (Messina).

Cinque le misure di custodia cautelare in carcere e tre agli arresti domiciliari eseguiti. In totale gli indagati sono 17. I particolari sono stati resi noti durante una conferenza stampa alla quale ha preso parte il Procuratore della Repubblica Carmelo Zuccaro. Per gli investigatori si tratta di un episodio di induzione indebita a promettere utilità.

In una intercettazione telefonica – resa nota durante l’incontro – Barbagallo dice al luogotenente: “Mi serve una cosa elettorale. I due gemellini che hanno il camion in via….. Ci puoi andare per farli spaventare così mi vengono a cercare”.
Zuccaro ha precisato che D’Agostino “non risulta coinvolto nelle indagini” e che “non è indagato e non risulta avere chiesto il ricorso questi sistemi per ottenere i voti”.

LEGGI ANCHE

Corruzione e turbativa d’asta, otto arresti, c’è anche il sindaco di Acireale

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.