Condividi

Di Pietro condannato a risarcire Cuffaro non vuole pagare e chiede l’immunità

domenica 5 Maggio 2019
di pietro

Tonino di Pietro chiede l’immunità parlamentare perché non vuole risarcire di 6.000 euro Totò Cuffaro. L’ex pm di “Mani pulite” ha perso una causa per diffamazione nei confronti dell’allora presidente della Regione Siciliana ma, all’epoca dei fatti, era un deputato e per questo si è rivolto alla Giunta per le autorizzazioni a procedere di Montecitorio.

Situazione singolare, questa, perchè Cuffaro ha scontato una pena per favoreggiamento a Cosa nostra e rivelazione di segreto istruttorio ma questa volta si trova dalla parte della giustizia. Di Pietro, invece, si ritrova adesso a chiedere l’immunità, cosa che in passato aveva fatto pure Cuffaro, prima della condanna definitiva, quando era senatore.

Di Pietro è stato condannato perché nel 2009 aveva accusato Cuffaro di aver screditato la memoria del giudice Giovanni Falcone, ucciso dalla mafia nel 1992. L’ex pm, infatti, aveva pubblicato sul suo sito alcuni video presi da youtube in cui Cuffaro, che nel 1991 aveva partecipato alla trasmissione Samarcanda di Michele Santoro, aveva, a suo dire, oltraggiato il magistrato antimafia. Il titolo dell’articolo era “Vi difendiamo tutti da Cuffaro“.

I video erano stati pubblicati nel 2007 da utenti ignoti. Nel 2013 è arrivata la condanna per l’ex pm e ora che la causa è finita in Corte d’Appello, l’ex giudice ha chiesto l’immunità parlamentare perché nel 2009 era un deputato della Repubblica.

La palla, adesso, alla Giunta per le autorizzazioni a procedere di Montecitorio.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, strisce bianche. Carta: “Ricevute richieste per gestirle” CLICCA PER IL VIDEO

Il futuro delle strisce bianche a Palermo è a colori, anche se ancora non è stato stabilito con quali sfumature

BarSicilia

Vitrano (FI): “Dalle aree di crisi al nuovo corso del partito. Nessuna epurazione e sulle liste del centrodestra…”

Gaspare Vitrano è l’ospite della puntata 232 di Bar Sicilia. Deputato regionale di Forza Italia e Presidente della III Commissione Attività Produttive all’Ars, Vitrano ha fatto un’analisi del suo partito a pochi giorni dal passo indietro dell’ex coordinatore regionale siciliano, Gianfranco Miccichè.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.