Condividi

Droni da Sigonella tornano nel quadrante ucraino: si alza la tensione?

giovedì 10 Marzo 2022

Mentre sono in corso ad Antalya, in Turchia, i colloqui tra il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, e il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, sono tornati intanto in azione verso i cieli dell’Ucraina i droni dalla base siciliana di Sigonella. Un drone Global Hawk è in attività da ieri. La missione sarebbe soltanto di carattere ricognitivo. Si sta cercando di monitorare lo stato delle cose nell’area interessata dal conflitto scatenato dalla Russia. L’impiego è quello dei FORTE10 che già nei giorni scorsi si erano mossi, sempre da Sigonella, per un’attività di accertamento nel mar Nero del nord, a ridosso della Crimea, e a quanto pare anche nello spazio aereo polacco a sud dell’enclave russa di Kaliningrad.

Le operazioni dei droni Global Hawk al momento non risulta abbiano subito un innalzamento dei livelli che contraddistinguono le operazioni nella base siciliana ma è altrettanto vero che l’azione russa in Ucraina non arretra, l’Armata Rossa sembra anzi voler puntare alla conquista di Kiev e allora sale inevitabilmente il livello di guardia nel vasto perimetro terra-mare degli spazi Nato. I droni Global Hawk stanno controllando lo spazio aereo nei cieli del mar Nero e dell’Ucraina.

L’ancora imprevedibile evoluzione dell’invasione da parte della Russia in Ucraina, e l’incertezza che permane su quelli che potrebbero essere gli scenari internazionali, sta spingendo per forza di cose la Nato a prestare molta attenzione allo scenario e non è un caso che le missioni “FORTE” in precedenza rimaste non visibili nei sistemi di tracciamento pubblico stanno diventando sempre più frequenti e non sono più un mistero. Stando alle interpretazioni degli esperti, sarebbe la conferma che il quadro rimane enigmatico e, al netto degli allarmismi da evitare, permane il rischio di ulteriori dinamiche e di un aggravio della problematica, con l’ineludibile necessità di monitorare la situazione in Ucraina e negli spazi Nato, ma soprattutto l’esigenza di essere preparati a tutto.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.