Condividi
L'incontro

Ex Asu, Fp Cgil Palermo: “Lavoratori insoddisfatti dalle proposte dell’amministrazione comunale”

venerdì 8 Marzo 2024

Dopo l’incontro con il Comune di Palermo, ieri la Fp Cgil, in un’assemblea molto partecipata con le dipendenti e i dipendenti, ha misurato “l’insoddisfazione” anche dei lavoratori sulle proposte fatte dall’amministrazione comunale nel recente incontro con le sigle sindacali.

Pertanto la battaglia continua. “Continueremo la nostra battaglia perché non siamo soddisfatti delle risposte, ci prepariamo a una stagione di rivendicazione. Il risultato dell’aumento dei buoni pasto e l’anticipazione di soli 6 mesi del full time al giugno 2026 lo riteniamo insufficiente. Il comparto chiede il full time, le progressioni verticali essenziali per dare servizi migliori ai cittadini, le pensioni per i lavoratori ex Asu, che non otterranno per la mancanza di contributi versati quando erano precari nelle amministrazioni”, dichiarano il segretario Cgil Palermo Dario Fazzese e per la Fp Cgil Palermo Saverio Cipriano, delegato enti locali.  

La Fp Cgil, per quanto riguarda le pensioni dei lavoratori ex Asu, chiederà un incontro al prefetto. Parallelamente, si procederà con una richiesta di incontro al sindaco, al ragioniere generale e al direttore generale, per una verifica sui risparmi del 2023 sulla spesa per il personale e sulla spesa del 2024.

Chiediamo al Comune informazioni chiare sui capitoli di spesa previsti per capire quali residui possono essere indirizzate per potenziare i fondi destinate al personale. Riteniamo che se le risorse ci sono, potrebbero essere usate per aumentare le ore di lavoro – aggiungono Fazzese e Cipriano – . Pe rilanciare la battaglia sulle pensioni dei lavoratori ex Asu siamo pronti a fare un sit-in davanti alla Prefettura: circa 3mila degli attuali 4.700 ex Lsu, stabilizzati da poco, non hanno maturato i contributi per avere una pensione. La nostra battaglia passerà anche dai ricorsi ai giudici e da un progetto di legge che chiediamo venga approvato in Parlamento per superare questa distorsione per cui chi ha lavorato nella pubblica amministrazione per tanti anni si ritrova senza contributi”.

L’altra richiesta riguarda la riqualificazione del personale educatore scolastico prevista dal contratto entrato in vigore il 1° aprile 2023: “Vigileremo affinché gli impegni siano rispettati e quindi inseriti nel piano triennale delle assunzioni”. 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.