Condividi

Ex sportellsiti: Flc Cgil e Uil Scuola Sicilia chiedono incontro con l’assessore

giovedì 7 Febbraio 2019
formazione professionale sportellisti

Si rincorrono le voci sul ricollocamento degli ex dipendenti degli sportelli multifunzionali della Regione Siciliana. Dopo anni di attesa e promesse continue i lavoratori sono ormai esasperati. Sarebbero dovuti ritornare al lavoro entro il 16 gennaio, ovvero entro i 180 giorni previsti dalla norma approvata nella scorsa primavera dall’Ars che prevedeva il loro riutilizzo nei Centri per l’impiego.

A questi il governo nazionale ha affidato la gestione del reddito di cittadinanza. Da allora i termini sono abbondantemente scaduti senza che nessuno sia stato chiamato. E anche l’incontro del 24 gennaio tra l’assessore Lagalla e i vertici del Ministero dello Sviluppo economico non ha sortito effetti concreti.

Una governance della vertenza che non è vista bene dal segretario del Sinalp, Gaetano Giordano“Nell’interesse dei lavoratori – ha detto qualche giorno fa – ci auguriamo vivamente che questo non sia l’ennesimo tentativo di dirottare sul Governo Nazionale, le innumerevoli responsabilità del Governo Regionale Siciliano”.

Ieri, invece, hanno preso la parola Cgil e Uil. “Non c’è stato alcun confronto con le organizzazioni sindacali sul futuro dei 1.700 ex sportellisti ma soprattutto sull’ultima delibera di giunta che richiama materie relative al contratto del comparto della formazione professionale e che coinvolge i lavoratori dell’Elenco unico ad esaurimento. Abbiamo chiesto diversi incontri e fornito proposte per tutelare questi lavoratori, ma sino ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta”. Lo dicono Claudio Parasporo e Ninni Panzica della Uil Scuola e Graziamaria Pistorino della Flc Cgil, che hanno chiesto un incontro urgente all’assessore Ippolito.

“I 1.700 – spiegano – ex sportellisti resteranno fuori da tutto. La Regione ha, infatti, tagliato i fondi che potevano servire a reimpiegare questi lavoratori che hanno le giuste competenze per questo tipo di servizio. Secondo il decreto nazionale i ‘navigator’ dovrebbero avere determinati requisiti, aspettiamo di capire se la quota spettante alla Sicilia avrà le stesse caratteristiche e modalità di reclutamento e se coinciderà con il fabbisogno rilevato dal dipartimento Lavoro e se le Regioni saranno libere di assumere dal bacino già individuato. Abbiamo bisogno di risposte e trasparenza”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Cateno De Luca si racconta a Donna Sarina: “Sono andato nell’aldilà e sono tornato” CLICCA PER IL VIDEO

Ospite della prima puntata del format web de ilsicilia.it “Donna Sarina” è Cateno De Luca, ex sindaco di Messina e leader dell’opposizione

BarSicilia

Bar Sicilia, Pagana e le sfide del suo assessorato. “Chiarezza su CTS, parchi, balneari e Arpa. FdI? In atto confronto costruttivo” CLICCA PER IL VIDEO

Elena Pagana, assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, è l’ospite della puntata numero 225 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Pagana ha parlato della Cts, del futuro dei Parchi siciliani, di Arpa, balneari e, in quanto dirigente di Fratelli d’Italia, ha fatto il punto sullo stato di salute del partito guidato…

La Buona Salute

La Buona Salute 61° puntata: Cancer Center

La 61^ puntata de La Buona Salute è dedicata al Cancer Center presso l’ARNAS Garibaldi di Catania, con nuovi spazi e tecnologia all’avanguardia per migliorare le prestazioni per i pazienti oncologici

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.