Condividi

Falcone preme per il raddoppio Messina – Catania e convoca il sindaco di Giardini

sabato 15 Dicembre 2018
Marco Falcone
Marco Falcone

La Regione Siciliana vuole scongiurare lo stop al progetto del raddoppio ferroviario Messina-Catania. La necessità ravvisata a Palermo è quella di arginare i malumori del Comune di Giardini, che ha avviato la procedura finalizzata a presentare un ricorso al Tar del Lazio per bloccare l’ordinanza di approvazione definitiva dell’opera ai fini della conferenza dei servizi (poi avviata il 29 novembre scorso a Roma). In quest’ottica, dopo aver appreso dell’incarico conferito ad un legale dal sindaco di Giardini, Nello Lo Turco, l’assessore alle Infrastrutture, Marco Falcone, ha contattato il primo cittadino della seconda stazione turistica siciliana chiedendo un incontro in tempi stretti per chiarire la vicenda. Falcone e Lo Turco si vedranno quindi lunedì a Messina, a Palazzo dei Leoni, nella sede della Città Metropolitana, dove è già in agenda anche una riunione sui problemi della A18.

Il Governo regionale vuole, in sostanza, evitare che si accenda una disputa che potrebbe bloccare la maxi-opera finalizzata a ridare slancio alla rete ferroviaria siciliana e ad ammodernare una tratta che praticamente è rimasta la stessa su binario unico da oltre un secolo a questa parte. L’assessore Falcone vuole capire se ci sono i margini per trovare un punto di incontro tra il Comune di Giardini e Rfi. Le parti, tra l’altro, si erano incontrate nei giorni scorsi per discutere le criticità poste sul tavolo dall’Amministrazione naxiota ma il faccia a faccia non è servito, evidentemente, ad evitare che vada avanti l’azione legale ora avviata dal Comune di Giardini.

Il ricorso al Tar potrebbe portare ad uno stop dell’iter per il raddoppio ferroviario e la Regione non vuole che si arrivi a questa eventualità. Giardini, a sua volta, contesta che la conferenza dei servizi abbia visto sin qui la propria città soltanto nel ruolo di comune “uditore” ed ha chiesto l’ammissione alle procedure decisionali sull’opera, e contesta anche la previsione della nuova stazione a Taormina con il solo nome della Città di Taormina (stazione Taormina-Madonnina), ritenendo che il problema non possa essere superato dal fatto che l’altra stazione, a Trappitello (in zona Fiascara, in territorio taorminese), si dovrebbe chiamare “Alcantara-Giardini Naxos”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, estate tutta da vivere a Giardini Naxos: turismo, eventi, cultura, arte CLICCA PER IL VIDEO

Con gli assessori comunali di Giardini Naxos Fulvia Toscano e Ferdinando Croce scopriamo sorprese ed eventi di un’estate da boom di turisti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.