Condividi

Raddoppio ferroviario: Giardini Naxos dà le sue condizioni a Rfi

giovedì 27 Dicembre 2018
La stazione ferroviaria di Taormina-Giardini Naxos

Si va verso la stretta finale nel braccio di ferro ingaggiato dal Comune di Giardini con Rfi sulla stesura del progetto definitivo per il raddoppio ferroviario Giampilieri-Fiumefreddo. Dopo la presa di posizione della Giunta che ha già a sua volta avviato l’iter fare ricorso al Tar del Lazio, a Naxos ora il Consiglio comunale si appresta anch’esso a prendere posizione sul progetto del raddoppio.

Giardini non ci sta alla prospettiva della stazione “Madonnina” col solo nome di Taormina e senza quello di Naxos, ma al contempo chiede anche l’interconnessione tra la stazione Alcantara (Trappitello) con la tratta Alcantara-Randazzo (che dovrà poi essere riattivata). E allora, mentre secondo alcune indiscrezioni Rfi si appresterebbe ad ammettere Giardini alla conferenza servizi non più da ente “uditore” ma da ente con diritto di voto, l’Aula consiliare si appresta a discutere un atto d’indirizzo nel quale si intende “dare mandato al sindaco di intraprendere tutte le iniziative necessarie ed indispensabili a porre in essere le intenzioni del Consiglio Comunale, soluzioni alcune di carattere “ verbale e di immagine” altre invece strategiche”.

Giardini Naxos

Giardini chiederà, nel dettaglio, i seguenti punti: “Denominazione della nuova stazione di Taormina in : Taormina – Giardini Naxos, ovvero in subordine, denominazione della nuova stazione di Alcantara, già denominata “Alcantara Giardini”, in “Giardini Naxos – Alcantara”; 2) che la nuova stazione di Alcantara preveda la fermata di tutti i treni passeggeri compresi quelli a lunga percorrenza, veloci (Tratte nazionali); 3) la fermata anche per i treni che collegano il comprensorio Taorminese con l’aeroporto di Catania Fontanarossa “V. Bellini”.

taormina dall'alto
Taormina

Il Comune di Giardini vuole le seguenti altre modifiche: “la predisposizione di un ascensore di interscambio per un futuro collegamento con l’esistente tratta Alcantara – Randazzo; la valutazione in fase di nuova progettazione di una interconnessione con la linea Alcantara-Randazzo; la realizzazione di un collegamento veloce viario fra la prevista “Giardini Naxos – Alcantara” e l’esistente stazione “Alcantara” o altra zona da individuare meglio quale ad esempio lo svincolo autostradale, per una distanza di circa 3 km, tramite o una nuova bretella stradale che bypass il centro abitato di Trappitello evitando inutili congestionamenti al già rilevante traffico lungo la SS 185, o sfruttando l’attuale tracciato ferroviario dell’Alcantara – Randazzo”.

stazione-di-taorminaEd ancora si chiede che: All’attuale stazione “Taormina – Giardini” vengano attestati i treni di collegamento fra l’intero comprensorio da e per l’aeroporto di Catania Fontanarossa “V. Bellini””. Infine “una valutazione con studio di fattibilità da parte RFI sull’utilizzo di tale tratta nelle due seguenti ipotesi”. L’atto di indirizzo, se esitato, richiederà pure ulteriori aspetti quali: “utilizzo quale metro di superfice con eventuale estensione al comune di Letoianni qualora interessato dopo un riscontro positivo dello studio di fattibilità; fruibilità del tratto comunale quale nuova viabilità interna. In quest’ultimo caso la cessione da parte Rfi dalle aree attualmente interessate dalla tratta ferroviaria che attraversa il territorio del Comune di Giardini Naxos nella disponibilità dello stesso comune”.

“La nostra posizione vuole tutelare Giardini – spiega Bevacqua -. Personalmente sono favorevole all’opera e credo si può trovare un punto d’intesa con Rfi. Buona parte delle cose inserite nella proposte di delibera potrebbero essere integrate senza difficoltà nel progetto”.

Bevacqua invece sulla metropolitana leggera commenta: “Di alcuni altri aspetti potrebbero farsi carico Regione e Rfi. Sinceramente non credo che della gestione possa occuparsi l’Unione dei Comuni o altra forma locale, i costi sono elevati”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, estate tutta da vivere a Giardini Naxos: turismo, eventi, cultura, arte CLICCA PER IL VIDEO

Con gli assessori comunali di Giardini Naxos Fulvia Toscano e Ferdinando Croce scopriamo sorprese ed eventi di un’estate da boom di turisti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.